cos'è un sales funnel

Cos’è un sales funnel e come crearne uno per fare crescere il tuo business | Post 3 di 3

Ed eccoci arrivate alla terza ed ultima puntata di questa serie dedicata a cos’è un sales funnel e come crearne uno per crescere il tuo business.

Nella prima ti sei focalizzata sul farti notare, fare sapere al mondo che esisti e avvicinare “lead” nel tuo imbuto di vendita.

Nella seconda hai fatto in modo di farti conoscere e lasciare un “assaggio” di quel che sai fare con i tuoi servizi o direttamente dei tuoi prodotti in cambio dei contatti dei tuoi lead diventati oramai prospect.

Oggi, nella terza puntata, ci dedichiamo alla conversione, ovvero alla vendita vera e propria.

Se per caso hai letto conversazione invece di conversione, non preoccuparti, è giusto ugualmente. Infatti, oggi come oggi io penso che il miglior modo per vendere soprattutto i servizi, ma anche i prodotti,  sia intrattenersi in una bella chiacchierata con i tuoi prospect, piuttosto che spiattellargli la tua offerta in faccia e pensare di poterli conquistare solo in questo modo.

Mi piace pensare a queste conversazioni come la versione più al femminile della vendita, più ricca di cura e amore.

La fase 3: La conversione

Quando arrivi a questa fase, hai raccolto un certo numero di persone che ha avuto accesso ad una tua risorsa gratuita e che ti ha conosciuto meglio: una buona fetta di questo gruppo di persone, è potenzialmente interessata a comprare qualcosa di tuo. Siamo vicini alla fine dell’imbuto.

Dove li puoi condurre?

Ad una sales page ben fatta con una “call to action” – ovvero una chiamata all’azione – molto chiara e semplice da compiere.

La mia formula, molto essenziale e senza troppi grattacapi è questa:

# 1 esponi problema che i tuoi prospect hanno e che tu puoi risolvere #2 descrivi la tua soluzione  #3 presenta delle testimonianze di chi ha già acquistato da te #4 descrivi in modo semplice e molto chiaro l’ offerta

Per chi di voi vende prodotti fisici molto semplici e “accessibili” come ad esempio oggetti di cartoleria o trucchi, condurre i vostri prospect ad acquistare è più semplice: potete mostrare la merce e dare loro una descrizione semplice e una modalità altrettanto semplice per procedere con l’acquisto.

Non ti serve descrivere tonnellate di informazioni o righe e righe di testo quando quello che vendi è esattamente quello che le persone vedono.

Comunque, dopo un bel po’ di anni di esperienza, credo che un po’ di copy, ovvero di testi accattivanti possano sempre aiutarti a fare comprendere meglio e a vendere di più, anche nel caso di prodotti fisici: raccontare una storia , coinvolgere chi sta vedendo un oggetto, invoglia un sacco.

Un buon esempio?

Guarda come sono azzeccati gli spot di Dove che, sì vende saponi e creme, ma mentre ti racconta una storia, condivide una filosofia e un messaggio importante che ti avvicina e che ti spinge all’acquisto.

Guarda i video di questi due spot, due tra i miei preferiti di sempre, per capire meglio quello di cui sto parlando.

Perciò, se vendi un prodotto tangibile, ti consiglio di riuscire a coinvolgere il tuo prospect attraverso una storia accattivante che lo spinga a desiderare di volere acquistare il tuo prodotto.

Ispirare

Fai in modo, soprattutto, che al tuo lettore, arrivi il tuo “perchè”, il tuo credo, la tua filosofia. Ne ho parlato sia qui che qui che qui.

Non c’è nulla di più magnetico che ispirare.

Un’ ampia fetta del tuo funnel, deve ispirare il lettore al punto tale da far si che non veda l’ora di aprire e leggere le tue email, i tuoi articoli e le pagine del tuo sito.

Anche semplici info-prodotti come un ebook o un audio in mp3 spesso non hanno bisogno di una marea di informazioni o di un sales page lunghissima : quello che conta è che tu dedichi spazio sufficiente a spiegare questi punti:

  1. quali sono i benefici che si ottengono i lettori nell’acquistare l’info prodotto

  2. come risolvi il problema che i lettori hanno

  3. una breve descrizione che spiega di che si tratta

  4. qualche testimonianza che serva come riprova dell’efficacia del prodotto.

  5. la descrizione precisa dell’offerta.

Per chi di voi invece vende servizi, come ad esempio consulenze, coaching o programmi di formazione ed ha offerte con prezzi più alti dei € 100,00 consiglio fortemente di offrire maggior “educazione” ed informazioni al tuo cliente per aiutarlo a prendere la decisione di assumerti o lavorare con te. Infatti, le tue offerte probabilmente non sono il genere “ clicca e compra”, come potrebbere essere un paio di orecchini da € 12,00 o magari un ebook da € 19,00.

Educare

Quando parlo di  “educazione”, intendo trasferire al tuo potenziale cliente, le nozioni e le informazioni che tu forse dai per scontate ma che a lui o lei possono servire per capire meglio il valore di quello che offri , il benefici che sono insiti nella tua offerta e i vantaggi dei tuoi servizi.

Il 40% del tuo funnel dovrebbe avere contenuti educativi, con informazioni pratiche ed utili sulla tua nicchia, nozioni il cui obiettivo è fornire una prima infarinatura a chi si avvicina ad una nuova disciplina oppure, per chi già ne sa qualcosa, ma deve chiarirsi le idee.

Coinvolgimento

Per fare tutto ciò, la parola chiave è solo una: maggior coinvolgimento .

Per coinvolgimento intendo la partecipazione attiva a qualcosa. 

Quando coinvolgi attivamente la lista, i tuoi iscritti diventano co creatori e partecipanti attivi del tuo business. Questo non solo li fa sentire importanti e presi in considerazione ma anche più inclini a prendere una decisione quando si tratta di acquistare qualcosa da te in un secondo momento. 

Ecco alcune idee per darti qualche spunto:

  • Fai in modo che la tua sales page conduca alla fine ad una consultazione gratuita di 20 minuti con te o con un tuo collaboratore. Questa è un’ottima soluzione per chi fa coaching! Parla con i tuoi potenziali clienti ed ascoltali con attenzione: hanno un sacco di informazioni importanti per te e tu per loro.
  • Educa il tuoi prospect con un webinar nel quale dai informazioni valide e poi li inviti ad iscriversi ad una lista di massimo 10 persone alle quali offrirai mezz’ora di tempo individuale gratuitamente.
  • Crea una pagina che conduca le tue persone ad un video – o ad una serie di video – che servano per educare e poi vendere al tuo posto.
  • Se hai un’attività sul territorio, invitali ad una presentazione gratuita al cui termine ti permetterà di convertire una parte dei partecipanti in clienti.
  • Un insieme di tutte queste cose, potrebbe essere la mossa più vincente: un webinar che conduce ad una consulenza gratuita che alla fine conduce alla vendita.

In qualsiasi chiacchierata o offerta, assicurati di dare al tuo prospect un buon motivo per agire subito. In fondo siamo tutti molto impegnati ai nostri giorni, che potresti proprio pensare di premiarli se decidono di prendersi del tempo di lavorare con te: ad esempio offrendo uno sconto se acquistano subito, oppure aggiungere un bonus speciale.

Ti ricordi di Laura, la nostra Life coach che lavora con le neomamme, che abbiamo usato come esempio in questa serie di articoli?

Il suo sistema di conversione potrebbe essere , molto semplicemente, chiedere alle persone che hanno partecipato gratuitamente al suo seminario gratuito di iscriversi al suo corso a pagamento. Dopo avere avuto dal vivo quelle persone per un’ora nella stanza, sicuramente ha avuto modo di dimostrare il suo valore e la bontà dei suoi servizi, quindi il termine dell’incontro è sicuramente un momento ideale per farli iscrivere ad un’offerta premium.

Magari potrebbe offrire un pacchetto di 8 sessioni e il bonus potrebbe essere una dispensa con esercizi pratici da fare da sole per imparare a gestire l’ansia e lo stress della maternità o magari con trucchi per aiutare il neonato ad addormentarsi serenamente.

Ovviamente, ci sono tantissime altre cose che si possono dire su questo argomento, ma il mio obiettivo oggi era quello di iniziare a farti pensare al modo migliore per convertire potenziali clienti in clienti veri e propri.

Ora che abbiamo visto tutte le tre fasi del sales funnel, penso che sia un ottimo momento per te per studiare il tuo e vedere se funziona, se ha delle falle e se puoi migliorarlo: c’è sempre margine di miglioramento. Come stai convertendo i tuoi potenziali clienti in clienti? Tutto online? Dal vivo? Li incontri di persona? Un po’ tutte queste cose?

Oggi finisco con un suggerimento: se non hai mai fatto una sessione con me,  perché non farla ora? Se hai trovato interessanti questi tre articoli sul sales funnel, sono certa che lavorare sul tuo insieme al mio aiuto potrebbe essere una buona idea.  Qui trovi le informazioni per iscriverti e qui le testimonianze di chi ha già lavorato con me.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *