Come prendere una buona decisione: scelte di paura o scelte d’amore?

Poco fa ho ricevuto un messaggio privato su Facebook.

Una delle partecipanti al corso Non Solo Business Plan si trovava in difficoltà con un esercizio che ho assegnato.

Si tratta di svolgere una ricerca specifica e collaudata per comprendere quale idea di business, tra quelle emerse, possa essere quella che fa guadagnare di più, verificando bene il mercato e la richiesta e studiando altri modelli di business che hanno già avuto successo prima di noi .

Questa ricerca prevede, in uno dei suoi vari step, di mettersi in contatto con alcuni “esperti” del settore nel quale si desidera creare la propria attività e lei, la partecipante, si è bloccata.

“ E se poi non mi risponde? E perché dovrebbe parlare proprio con me? Perchè dovrebbe ascoltare , non teme la concorrenza eventuale?”

Certo. Tutto è possibile.

Anche che tiziocaio non risponda. O che ti ignori.

Ma perché porsi questo quesito e sprecare tempo ed energia, anziché semplicemente scrivere un email gentile ed educata e credere che presto arriverà una cordiale ed utile risposta?

E se invece ti rispondesse e ti desse quelle due dritte vincenti che ti faranno risparmiare mesi di tentativi?

Molte di noi spesso compiono azioni di paura. Scelte di paura.

Percorrere un cammino essendo prudenti e caute sembra più facile.

O quantomeno più sicuro.

Ma è davvero così?

come prendere una buona decisione

 

La paura spesso si traveste da praticità.

O da saggezza.

Non dobbiamo cascarci. E’ una trappola.

Quindi, quando dobbiamo compiere una scelta, come prendere una buona decisione?

Il modo migliore è interrogarsi e scoprire da dove viene la nostra risposta: il modo migliore è cercare dentro di noi.

Quando devi decidere qualcosa, resta un attimo in silenzio e ascoltati. E’ così che puoi scoprire se quel che stai pensando di fare, nasce da un sentimento di paura o da un sentimento di amore.

Ti faccio degli esempi. Leggi queste frasi:

“Non accetto questa nuova proposta di lavoro bellissimo. Sono realista e pratica.”

“Non faccio quella telefonata a quella persona impegnata. E’ più prudente.”

“Non dico quel che penso alla mia amica che già sta soffrendo. Sono equilibrata.”

“Non mi iscrivo a quel corso che amo e che costa € 500,00 . Sono responsabile.”

Ti risuona qualcosa?

Tutte queste affermazioni potrebbero essere vere. Non lo metto in dubbio.

Oppure potrebbero essere scelte prese dalla paura.

“Adorerei accettare quel nuovo lavoro. Svolgerei proprio le mansioni che amo e probabilmente mi divertirei anche tanto. Ma se poi va male? Meglio restare dove sono.”

“Sento dentro di me che parlare con quella persona mi aiuterebbe a raggiungere il mio obiettivo e a smuovere le acque. Ma se non fosse così? E se la disturbassi? Meglio che io aspetti e non faccia nulla.”

“La mia amica avrebbe proprio bisogno di sapere come stanno le cose, ma dirle la verità comporta un grande rischio di discutere e magari complicarmi la vita. Meglio se me ne sto zitta.”

“Oddio che bello! Se frequentassi questo corso coronerei il mio sogno di mettere a frutto il mio talento e la mia passione trasformandolo in un lavoro. Mah… inutile che mi illuda. Se poi andasse male? Meglio rinunciare.”

Vedi, ogni volta che decidiamo, possiamo farlo per paura oppure per amore.

E spesso raccontiamo a noi stessi storie che ci fanno sentire protetti e a posto con noi stessi, con la nostra coscienza.

Eppure dentro di noi, conosciamo la verità; e non c’è cosa peggiore che mentire a noi stesse, perché questo tipo di bugie continua a spuntare fuori dalla nostra mente e dal nostro cuore, mettendoci di fronte, prima o dopo, alle nostre scelte.

Scegliere sospinti dall’amore è talvolta più spaventoso e più rischioso. Ma la ricompensa è grande.

 

Come prendere una buona decisione?

Segui quello che ami, segui quel che ti appassiona. Segui quel che ti suggerisce il tuo cuore.

 

Oggi mi sono presa la briga di tradurre e mettere i sottotipi ad alcuni spezzoni di un video.

Si tratta del discorso tenuto da Jim Carrey all’Università di Maharishi che si stavano laureando.

Un meraviglioso discorso, sull’amore e sulla paura. ( se vuoi vederlo tutto, clicca qui).

 

Guardalo per assorbire queste parole e riflettere sulle tue decisioni.

Le decisioni che compiamo oggi, modellano il nostro futuro.

Ed una delle frasi più belle è

Puoi fallire a fare quel che NON vuoi, perciò prenditi il rischio di fare quello che veramente AMI.

Perciò, anche io come Jim Carrey, ti do un consiglio.

Scegli l’amore.

Ne vale la pena.

 

Ora tocca a te.

Ci sono decisioni che hai presto per paura e delle quali ti sei poi pentita?

O decisioni prese dalla paura che poi si sono rivelate sbagliate?

Quando devi prendere una decisione importante, come ti regoli? Segui di più quel che ami oppure sfuggi quel che temi?

 

Commenta qui sotto, son curiosa di sapere cosa ne pensi tu!

Le 3 convinzioni fondamentali per il successo delle donne che vogliono avviare un’attività

Cara amica mia, immagino che tu oramai ti sia accorta, leggendomi, che desidero seriamente che tu abbia una bella vita e raggiunga la tua totale libertà.

E’ davvero importante per me aiutarti a conquistare quella nuova dimensione nella tua attività e nel tuo stile di vita in cui tu possa finalmente dire “ Sì, ce l’ho fatta; amo il mio lavoro, amo la mia vita e mi godo serenamente entrambi!”

Questa è la mia missione!

Aiutarti a scoprire come una donna può avere successo e totale libertà ed affiancarti fino a che non le raggiungi.

Ma c’è qualcosa di altrettanto importante a cui tengo.

Desidero veramente che tu ti goda il viaggio, senza aspettare il fatidico giorno in cui tutto sarà perfetto, ma iniziando ad essere libera e felice sin d’ora. E per farlo, ti occorre avere pensieri e convinzioni positive, serene e molto potenzianti!

Se mi segui da un po’, sai che spesso parlo di strategie e delle tecniche che hanno funzionato per me e che so che possono funzionare anche per te. Argomenti come quali sono le cose a cui pensare prima di avviare un’attività, quali sono gli strumenti indispensabili per il tuo business online, le idee e le strategie più giuste per creare il lavoro dei sogni.

Oltre a questo, c’è qualcos’altro di cui parlo spesso e che devi assolutamente sapere. Qualcosa che può fare la differenza per la buona riuscita del tuo successo.

Mi riferisco specificamente a quel che c’è nella tua mente e, in modo particolare, a quel che tu credi rispetto al successo e alla totale libertà e alle tue possibilità di raggiungerli.

successo delle donne

Ora, prima che io entri nel dettaglio a spiegarti queste 3 convinzioni che devi credere per vedere i risultati che desideri ardentemente, dobbiamo fare un piccolo salto nella tua mente.

Come tu saprai, le convinzioni non si insegnano: voglio dire, nessuno può  spingere un interruttore e farti iniziare a credere qualcosa. 

E questo perché le convinzioni hanno a che vedere con la tua dimensione interiore e necessitano di tempo per formarsi e consolidarsi nella tua mente.

Se vuoi scoprire come nascono le convinzioni in cui credi, come fare ad individuare e come poi modificarle, ti suggerisco di guardare questo video che ho realizzato tempo fa.

Perché vedi, la fiducia in noi stessi e il credere sono un’esperienza totalmente individuale ed è importante fin dall’inizio che tu sia consapevole di come giungi a credere a qualcosa.

Generalmente una convinzione si forma sulla base della tua esperienza ed educazione o sulla base dell’ esperienza che gli altri condividano e proiettano su di te.

Qualche volta inizi a credere a qualcosa  perché ha senso logicamente o intuitivamente; altre volte perché ti fidi e credi ad una figura autorevole, ad maestro o ad un mentore.

In alcuni casi ti convinci di qualcosa perché il contrario di quel qualcosa non ha funzionato per te.

Insomma, diciamo che le convinzioni sono il frutto del modo soggettivo in cui percepiamo la realtà e che spesso non è detto che corrispondano alla verità: spesso sono solo il frutto dell’angolazione da cui hai visto, vissuto e percepito un fatto!

Mentre parliamo delle 3 convinzioni che ti suggerisco di avere per la totale libertà e il successo nella tua attività e nella vita, ti consiglio di tenere a mente come si sono formate le convinzioni che hai oggi, perché ti può essere davvero utile diventarne consapevole e renderti conto che se quello in cui credi non ti porta ad essere felice, allora puoi cambiare.

Le 3 convinzioni fondamentali per il successo nella tua attività e nella tua vita

Convinzione #1 –  Credo di essere brava, competente e preparata. Dedicare ogni giorno almeno un’ora ad aggiornarmi e studiare la disciplina di cui mi occupo, a fare ricerca e a migliorarmi mi piace e so per certo che è fondamentale per il mio successo.

Convinzione #2Credo che tutto sia risolvibile. Se non so qualcosa, lo posso imparare. Se non ho il tempo, lo posso trovare. Se non ho il denaro, posso trovare una soluzione. Ho successo e la mia attività ha successo grazie alla mia capacità di fluire e sapere trovare le soluzioni con mente aperta, coraggio e fiducia.

Convinzione #3Credo di avere una gran bella idea, servizio, prodotto e credo che avrà impatto nella vita delle persone ed ho creato un sistema chiaro e semplice per creare vendite.

E’ probabile che almeno una di queste convinzioni, se non tutte e tre, ti siano sembrate un po’ forzate e che tu non te le senta calzare addosso. Lo so.

Forse le hai trovate eccessive: ”Mi piacerebbe credere a queste cose, ma non so se sono davvero capace di farlo.”

Forse ti sei sentita scettica. “Sì, alla fine, se tutto andrà bene, forse crederò a queste cose, ma adesso mi sembra assurdo …”

Forse hai perso tanta fiducia in questi ultimi mesi, che leggere queste parole ti reso ancor più disperata. “Vorrei credere in queste cose, una volta ci credevo. Sarebbe bello pensare che qualcosa di così semplice come una convinzione possa cambiare le circostanze. “

Cara amica, invece è proprio così.

Comprendere le tre convinzioni fondamentali per il successo delle donne

Osserviamo insieme ciascuna di queste convinzioni e capiamo perché sono cruciali.

1. Sentirti all’Altezza

Quando avvii la tua attività è normale avere alcuni timori, soprattutto se è la prima volta che ti metti in proprio e se fino a quel momento hai avuto qualcuno che ti diceva cosa fare e come farlo.

Spesso però i timori rischiano di prevaricare sulle tue azioni ed anche se sei adeguatamente preparata per fare quel che vuoi fare se non ti senti mai abbastanza pronta il problema è che non farai mai il salto necessario a prendere sul serio il tuo progetto.

Trarresti vantaggio dal rafforzare la tua sicurezza in te stessa e studiare, aggiornarti sapendo sempre di più di quel che riguarda la tua attività? Ci puoi scommettere! La conoscenza, le informazioni e soprattutto il metterle in pratica aiutano ad eliminare la paura. E quando tu ti senti sicura e pronta, anche gli altri lo sentono e sono decisamente più inclini a seguirti e a voler comprare da te quel che offri.  Smetti di procrastinare rimandando a quando avrai preso l’ennesimo certificato o a quando avrai il computer perfetto o a quando qualcuno che ora non approva la tua scelta ti darà la sua benedizione: entra in azione subito e rafforza la tua sicurezza così da sentirti all’altezza e trasmetterlo con forza agli altri.

2. Trovare le soluzioni

Potresti cascare nella trappola per cui per avere successo bisogna “ esserci nati” oppure “ sapere già tutto”. Potresti credere di non avere tempo, soldi, conoscenze a sufficienza e quindi dover rinunciare. Non è così! Lavorare in proprio vuol semplicemente dire che tu sei il capo di te stessa e indovina un po’?

I migliori capi in tutto il mondo in realtà non nascono capi, lo diventano! Imparano, si mettono in discussione e crescono.

Conosco un sacco di donne di successo e molte di loro hanno avuto inizi impegnativi: molte hanno iniziato lavorando la sera, dopo il loro lavoro “ ufficiale” , altre hanno costruito la loro attività nel fine settimana. Altre non sapevano nulla di tecnologia ed ora gestiscono autonomamente il proprio sito. Non ce n’è una che non abbia coach, mentori e consulenti che la aiuti a venire a capo di tutte le informazioni e le strategie che esistono, per trovare il modo migliore di gestire la propria attività.

Tutto si può imparare. Io stessa ancora oggi, continuo a studiare e a crescere. Negli anni ho scelto alcune persone e le ho trasformate nei miei maestri mentori. Mi sono iscritta ai loro corsi, ho letto i loro libri, seguo i loro blog, ascolto i  loro video e podcast, e quando voglio trovare una soluzione veloce sai cosa faccio?

La cerco su Youtube! Su youtube c’è tutto! Non sto dicendo che youtube risolve i problemi, ma che può dare intuizioni interessanti ed insegnarti a farti un idea di quel che ti serve, per capire se poi vorrai approfondirlo sui libri , con corsi e magari specializzarti.

Inizia a ripetertelo “Tutto si può risolvere e tutto si può imparare”.

3. Avere un sistema

Per fare in modo che tu emerga dalla massa ed essere notata e presa sul serio con la tua attività, devi avere un sistema che ti tenga sui giusti binari. Pensala un po’ come se fosse una guida che tu redigi per te stessa, che rende facile e molto chiaro far fluire il tuo messaggio nelle menti e nelle mani dei tuoi potenziali clienti.

Forse puoi pensare che la tua attività sia troppo piccola per impostare una vera e propria strategia, forse il tuo prodotto è nuovo, o il sito non è molto bello, insomma vuoi mettere tutto a posto prima di impostare un vero e proprio sistema.

Invece No!

Ogni attività, non importa di quale dimensione, necessita di una strategia per organizzarsi e vendere.

E evita di confondere efficace con complicato. Una strategia può essere incredibilmente semplice e produrre guadagnai giornalieri. La semplicità infatti è la chiave quando devi mettere in azione la strategia. Se non conosci i passi gusti da seguire, se non sai a cosa dare priorità, se pensi di dover stare dietro a tutti gli aspetti contemporaneamente, per forza la quantità di lavoro ti sembra insostenibile e vai in confusione. Se metti a fuoco un piano, allora un pezzo alla volta riuscirai a realizzare tutto.

(Conosco bene questa situazione. Perciò ho pensato di creare il corso online gratuito che sto per lanciare.)

Le conseguenze di non credere in queste 3 convinzioni

Ora parliamo di quel che succede se non coltivi dentro di te queste convinzioni:

1. Se non credi sia importante credere in te stessa e continuare ad aggiornarti per rafforzare la tua preparazione e di conseguenza la tua autostima, i tuoi tentativi di guadagnare nuovi clienti probabilmente non andranno a buon fine. Sarai confusa perché ogni giorno ti verrà una bella idea e subito dopo dubiterai di te e del fatto che tu possa metterla in pratica o che sia quella giusta. Oppure potrai trovare clienti , ma certamente non ti farai pagare adeguatamente.

2. Se pensi che sia meglio per te aspettare di avere 100.000 euro da parte, o di poter prendere sul serio la tua attività solo quando XYZ sarà accaduto, continuerai a rimandare, a procedere a tentativi, a rimanere incastrata nella tua situazione attuale e il tuo sogno molto difficilmente si concretizzerà.

3. Avere una strategia è la chiave e se non credi che sia importante per te o credi che sia troppo presto per pensarci ci sono buone probabilità che la tua idea, per quanto buona e interessante non riesca a vedere la luce del sole.

Le convinzioni si scoprono osservando i propri risultati.

Se non hai queste convinzioni, domandati come vanno le cose. Stai realizzando quel che desideri?

Se la risposta è no, non è giunto il momento di cambiare quel che pensi?

So che non è facile e so che cambiare fa paura, ma non permettere alla paura di fermarti.

Lo scopo delle convinzioni è quello di modellare le azioni che compiamo.

Convinciti che queste siano le convinzioni più corrette per te e inizia a sentirle forti dentro di te.

Vedrai che quanto più si rafforzano dentro di te, quanto prima vedrai dei risultati concretizzarsi fuori di te.

Posso insegnarti un sacco di cose, posso insegnarti come si fa a credere, ma non posso insegnarti a credere!

Oggi posso darti dei consigli per come allenarti.

3 esercizi per migliorare subito tre convinzioni per avere successo

  1. Passa in rassegna mentalmente le persone che conosci ed individuane 3 che secondo te si sottovalutano e che per questo limitano la loro vita. Ora pensa a quel che diresti loro per convincerle invece delle loro capacità e per sospingerle all’azione. Bene! Ora dì a te stessa le medesime parole!

 TIP: Ripeti a te stessa: Accetto ed uso la mia bravura. Accetto ed uso le mie competenze.

  1. Scegli due tuoi miti, due icone o figure che ti ispirano. Cerca la loro biografia e sottolinea tutte le attività che queste persone hanno dovuto imparare o tutte i problemi che sono riusciti a risolvere. Pensaci. Perché, come hanno fatto loro, non potresti farlo anche tu?

TIP: Ripeti a te stessa: Sono responsabile della mia vita ed Espando le mie capacità. Sono disposta ad imparare nuove cose. Tutto è risolvibile.

  1. Prendi un quaderno e descrivi brevemente qual è il tuo obiettivo. Poi scrivi una lista delle azioni che dovrai compiere, non importa che siano in ordine: scrivi di getto tutto quel che ti viene in mente. Quando hai terminato, metti in ordine di priorità le attività che dovrai svolgere, infine, prendi un calendario e segnale sistemandole nelle date adeguate. Ecco a te la tua prima strategia!

TIP: Ripeti a te stessa: La mia vita è grandiosa. Il mio piano mi aiuta a realizzare i miei sogni. So che posso farcela.

 

Bene ora tocca a Te. Rispondi qui sotto.

Quali sono le tue convinzioni sul successo?

Cosa credi di te stessa e delle tue possibilità di farcela?

Quali strategie usi per realizzare i tuoi obiettivi?

Come risolvere problemi e creare idee? Ecco il mio trucco.

Sarà che oggi è venerdì.

Sarà che c’è un bellissimo sole.

Sarà che siamo già al decimo giorno di aprile.

Oggi voglio scrivervi di un trucco che uso, semplice semplice, ma che ha dell’ incredibile.

Penso che tutti dovrebbero conoscerlo.

Trattasi di un segreto che uso per farmi venire in mente soluzioni  geniali, sbloccarmi quando ho il blocco creativo, gasarmi quando divento pigra e rilassarmi quando sono nervosa.

Un unico stratagemma per raggiungere tutti questi risultati? Ebbene sì. Pronta per scoprirlo?

Devi sapere che in passato, in tutte le occasioni in cui mi sentivo “ bloccata”, quello che facevo era sforzarmi di uscirne.

Sforzarmi di trovare la soluzione al problema.

Sforzarmi di fare qualcosa anche quando non ne avevo voglia.

Sforzarmi di rilassarmi quando ero preoccupata o nervosa.

E indovina un po’?

Non funzionava. O funzionava solo parzialmente.

Un giorno dovevo scrivere la bozza di un testo per una conferenza che dovevo tenere per un’azienda: scrivevo due righe e cancellavo.

Buttavo giù un titolo. E lo cancellavo.

Abbozzavo un’ idea. E la eliminavo. Una vera agonia.

Esasperata da quel momento di vuoto cosmico, dopo un paio d’ore perse senza concludere nulla ho deciso di smettere di sforzarmi. 

Ed in quel momento, come una “magia” un raggio di luce che entrava dalla finestra ha illuminato, effetto spotlight da concerto, un libro che avevo acquistato anni fa e che non avevo mai usato.

Si trattava del libro dei Mandala pubblicati da Macro Edizioni.

Presa da una di quelle intuizioni tutte femminili che noi donne spesso abbiamo – e che purtroppo non spesso seguiamo – , ho iniziato a cercare in fondo al cassetto la mia scatola di pennarelli di DJECO ( un’azienda francese che se non conosci, ti consiglio di scoprire!) e come impossessata dallo spirito di qualcuno che sapeva esattamente cosa fare, ho aperto il libro dei Mandala ed ho iniziato a colorare.

Il primo quarto d’ora è stato solo un susseguirsi di gesti meccanici della mia mano sul foglio e di pensieri affannosi che si accavallavano nella mia mente.

Poi improvvisamente. Magicamente. Il Silenzio.

La mente si è zittita e colorare avveniva automaticamente, non più consciamente, ma come fosse semplicemente l’unica attività esistente in quel momento e come se fosse la cosa più giusta da fare.

E’ stato spontaneo e facile connettermi con me stessa e senza nemmeno accorgermene, ho cominciato ad avere idee, una dietro l’altra, su come scrivere il testo per il discorso che prima non riuscivo proprio a progettare.

Finito di colorare il Mandala, ho aperto un documento di Word sul mio computer e in poco più di 20 minuti ho scritto un testo PERFETTO!

come risolvere problemi

Come risolvere problemi

 

Focalizzato, ispirato, preciso e efficace. Ero entusiasta!

Dopo quella volta, ho capito come risolvere problemi, produrre progetti e creare nuove idee.

Mi è capitato spesso di ricorrere a questo sistema e anche oggi, quando ho bisogno di fare qualcosa che non riesco a fare, quando devo risolvere un problema, quando emerge una difficoltà, anziché insistere mi fermo e mi metto a colorare.Dopo poco, la soluzione arriva.

E spesso quella soluzione si rivela fenomenale! Impeccabile! L’ideale.

I Mandala effettivamente nascono come pratica spirituale ed producono un sacco di benefici.

Aiutano a combattere la tensione e lo stress, sviluppare le intuizioni, sono uno strumento di concentrazione eccezionale e un modo molto semplice per esprimere la propria creatività.

Per me questa è stata una grande lezione.

Invece che continuare a sforzarmi, combattendo le situazioni negative che si vengono a creare, oggi ho imparato a fluire insieme alla vita e alle sue circostanze.

Ho imparato che spegnere la parte razionale della nostra mente, smettere di voler controllare tutto ed entrare prima in silenzio e poi in ascolto è l’azione più corretta.

Fluire.

Accettare le emozioni, comprenderle e vederle andare via, sostituite da pensieri e sentimenti nuovi, più positivi, più risolutivi.

Vuoi provare anche tu?

La prossima volta che ti capita di perdere l’ispirazione o di avere un problema e non sapere cosa fare, fai così:

  1. INTERROMPI LO SCHEMA Smetti di arrovellarti e smetti di fare quel che stai facendo.
  2. SVOLGI UN’ ATTIVITA’ CREATIVA Inizia a colorare un Mandala, fai una passeggiata – possibilmente nella natura-  metti una bella canzone e balla, accendi una candela e respira profondamente,Scegli di fare qualcosa che ti diverta, che spenga la tua mente razionale e ti permetta di entrare in connessione con il tuo mondo interiore.
  3. ASCOLTA IL TUO INTUITO L’’intuito parla un suo linguaggio, allenati a comprenderlo. Potrebbe farti avere l’idea vincente sotto forma di immagine, di simbolo, di sensazione fisica, di ricordo, di parole. Una cosa è certa, quando la tua voce interiore ti parla spesso conosce la risposta giusta. Perciò ascoltala!

Ora tocca a te. Raccontami se hai provato questo mio suggerimento e come è andato.

Oppure condividi con noi quale “tecnica” usi tu per trovare soluzioni ai tuoi problemi senza stressarti.

Stabilisci dei Parametri per la felicità. Tip #6

Ecco la piccola tip  numero 6 della serie di 10 consigli per Creare una Nuova Direzione e Cambiare Vita.
Oggi parliamo di uno dei miei temi preferiti: la felicità.

994484_856848847705617_454745592996417890_n

Personalmente credo che tutti nella vita abbiamo un scopo e che questo scopo sia proprio la felicità.

Uno dei problemi che abbiamo, noi esseri umani, è dimenticarci che la felicità si prova sulla base di esperienze e fatti del tutto soggettivi. Infatti se per qualcuno la felicità è mangiare una fiorentina, per qualcun altro invece lo è mangiare delle alghe!

Pensaci. Il mondo è bello perché è vario. Non c’è dubbio.

E per peresguire la propria felicità, risulta fondamentale essere consapevoli dei propri parametri per la felicità.

La maggior parte delle persone sono consapevoli di non essere soddisfatti, ma non hanno delle “regole” precise per sapere quando saranno veramente felici.

Gli esseri umani si sentono soddisfatti quando i loro bisogni sono soddisfatti e per soddisfarli non devono rinunciare ai propri valori.

Scrivete quello di cui veramente avete bisogno (emotivamente, non finanziariamente) e ciò a cui date valore. Avete bisogno di stabilità? Onestà? Riconoscimento? Apprezzate la spiritualità? L’avventura? La crescita? Questi non sono optional. Trovate il modo di soddisfare questi bisogni e una nuova direzione per la Vostraa vita diventerà chiara!

Hai già scaricato il mio regalo? ==>
https://valegiuffre.leadpages.net/totalfreedom/

Come raggiungere la pace interiore. Bastano 3 parole: Provare. Sapere. Fare.

 

Come raggiungere la pace interiore

Come raggiungere la pace interiore

 

L’altra sera ero da Elèna, la mia maestra spirituale, e mentre parlavamo dell’attuale situazione di conflitti e guerre da cui siamo circondati è emersa una considerazione davvero interessante.

Come possiamo immaginare la pace nel mondo, quando spesso, le prime con cui continuiamo a litigare siamo noi stesse?

Quelle con cui siamo più spesso in conflitto.

E in lotta. Siamo noi !

Più passa il tempo e più mi rendo conto che la vera sfida da affrontare nella vita è quella con noi stesse.

Pensaci: quante volte ti ritrovi ad arrovellarti tra te e te , sostenendo lunghi dialoghi interni?

Quante volte la paura di quel che hai detto,  avresti dovuto dire o dovrai dire, ti limita e ti fa dubitare di te?

Quante volte le presunte aspettative che hanno gli altri su di te ti fanno preoccupare su quel che hai fatto, fai o dovresti fare?

Noi saremmo pressoché perfette, di natura.

Siamo stati progettate gran bene. Se solo ascoltassimo sempre la nostra voce interiore e ci mettessimo più spesso in contatto con quella parte saggia e divina che è dentro di noi, tutto andrebbe alla grande e sapremmo come raggiungere la pace interiore.

Solo che da quando nasciamo, strada facendo, assorbiamo ed accumuliamo dal mondo esterno una quantità di inutili pensieri, emozioni e convinzioni che ci fregano.

Le opinioni di persone armate di buone ( o anche non buone) intenzioni ci convincono delle loro personalissime verità o comunque ci creano perplessità e ci insinuano dubbi.

E noi, anziché tornare in silenzio ed ascoltare noi stesse, cominciamo a combattere dentro di noi. ” Sarà la cosa giusta? E se poi non ce la faccio? E se lui/lei avesse ragione? E se non sarò all’altezza? Sarò abbastanza preparata? E se poi non so rispondere? E se….? E se…? ”

Sì , perché questi parole, questi pensieri, queste idee ci confondono. Ci spaventano. Ci preoccupano, Ci bloccano.

E quindi spesso ci troviamo a vivere conflitti profondi dentro di noi!

Insomma, è proprio la pace interiore quella a cui dobbiamo allenarci, per creare poi una pace duratura intorno a noi.

Oggi ti do un consiglio che può sembrare molto semplicistico, eppure ti assicuro che funziona e ti può aiutare a scoprire come raggiungere la pace interiore e ad agire con maggiore congruenza con chi sei tu veramente, con i tuoi valori e con le emozioni che ti fanno stare bene.

Si tratta  molto semplicemente di chiarire cosa vuoi, cosa desideri ottenere da te stessa prima di pronunciare una sola parola, prima di iniziare un terribile dialogo interno tra te e te e prima di compiere una qualsiasi azione.

In sostanza: si tratta di decidere ciò che desideri provare + sapere + fare.

Sembra facile, vero?

Eppure non sempre ce lo ricordiamo.

[RICORDATI: quando organizzi i pensieri + stabilisci l’obiettivo  prima di iniziare a fare qualsiasi cosa , hai già fatto il 90% del lavoro. ]

ECCO quindi i 3 elementi  fondamentali da ricordarti sempre prima di iniziare a combattere con te stessa e prima di entrare in azione:

 

PROVARE

Come vuoi sentirti?

Curiosa? Felice? Capita? Sicura?

Mettiti nelle condizioni di esserlo! Smettila di fare dipendere le emozioni che provi da altre persone o dalle circostanze esterne.

Liberati da queste catene e impara a provare le emozioni che desideri quando desideri. Come fare?

Esistono tanti modi. Ma il più semplice è il seguente.

Trova una canzone, una parola, una frase, un profumo, una foto, un video, un qualsiasi stimolo che ti aiuti a provare l’emozione che desideri!

E poi abituati a porti queste due domande:

  • Come mi fa sentire questa XYZ azione/persona/situazione/scelta/decisione/ecc, ecc?
  • Compiere questa azione mi avvicina o mi allontana da quello che desidero provare?

Quando risponderai con onestà a queste domande, saprai SEMPRE cosa sia meglio fare senza arrovellarti in lunghe battaglie interiori contro te stessa.

 

SAPERE. 

 Cosa vuoi sapere? Cosa è importante sapere?

Quando le persone ti danno informazioni o fanno affermazioni che ti scoraggiano o ti spaventano o ti confondono, evita di credergli tout court e soprattutto evita di iniziare ad ingaggiare un conflitto dentro di te sulla base di quel che ti hanno detto.

Informati!

Fai delle domande per raccogliere maggiori informazioni e chiedi le fonti delle nozioni che ti vengono fornite.

Leggi, approfondisci e fidati di persone competenti, non di chiunque dica qualsiasi cosa.

Ricordati che le persone che ci amano, non sempre sono qualificate nel settore nel quale ci stanno dando un consiglio: quindi acquisisci tu il sapere necessario ed evita di dare il loro per scontato.

NB:Contrariamente alla credenza comune della generazione dei nostri genitori, ricordati che “Se c’era scritto sul giornale o se l’hanno detto in TV allora NON vuol dire che sia vero!”

 

FARE

Cosa vuoi fare? 

Agire? Respirare profondamente? Prendere una decisione?

Qualsiasi cosa sia, falla perché “senti” che è la cosa giusta.

Oggi, ora – non dopo, né domani – poniti queste domande:

  • Cosa voglio fare veramente?
  • Chi voglio diventare veramente?
  • Dove voglio andare, arrivare veramente?

Prendi tutte le informazioni che hai raccolto sulla situazione, ragionaci e valutala per l’ultima volta.

Quindi, pensa quanto tempo vuoi protrarre la situazione e/o problema nella tua vita per la paura di prendere una decisione.

Pensaci un ultima volta e poi: decidi!

Dì di sì. Dì di no. Vai. Resta. Dai. Prendi.

Vendi. Compra. Lascia perdere. Iscriviti. Domanda. A

ccetta. Rifiuta.

Qualunque sia la decisione, oggi prendila!  Qualunque sia l’azione, compìla! 🙂

 

PROVARE. SAPERE.FARE

Il tuo mantra per la pace interiore.

Cosa voglio provare.

Cosa mi conviene sapere.

Cosa scelgo di fare.

 

Tu lo sai.

 

Il simile attrae il Simile

il simile attrae il simile

Questa mattina ne ho letta una bella.
Diceva così: “Sapete qual è il problema nell’essere fantastiche? Che gli opposti si attraggono!”
La trovo davvero divertente 

Ma la verità , amiche mie, è invece un’altra.
** Il simile attrae il simile. **
Attiriamo nella nostra vita persone, situazioni, opportunità che sono in risonanza a come stiamo 
vibrando noi, alla nostra energia.

Perciò io dico che ad essere fantastiche, ci si guadagna alla grande.

Oggi chi vuoi attrarre? Pensaci bene!

 

Essere è Credere

what a feeling-2

Che sensazione! Essere è credere. So di potere avere tutto ed ora danzo per la mia vita.

Ecco, oggi sono di citazioni colte 
Ma come si fa a resistere al richiamo di Flashdance? Fa davvero parte della cultura della mia generazione, ogni tanto penso proprio sia quasi stata assorbita dal mio DNA, insieme agli scaldamuscoli di lana e le felpe oversize degli anni ’80.
D’altro canto ” Essere è Credere” è uno dei miei mantra preferiti , forse poco intellettuale da ammettere, ma è anche da qui, che l’ho assorbito.
Non so tu, ma quando guardo alcune scene di certi film, mi sento travolgere da emozioni così forti che riesco a trovare il coraggio e la motivazione a fare cose che non pensavo avrei mai fatto.
Prendiamo questa di scena. Mamma mia come la amo!
Se non fosse per il fatto che il body nero sgambato non mi starebbe decisamente così bene quanto a lei, devo confessarti di essermi sentita tante volte nella vita proprio come quando Alex – Jennifer Beals – cade a terra nel momento clou del suo provino.
Ma pensando esattamente a lei che si rialza, butta fuori il fiato, fa ripartire la musica riposizionando la puntina sul giradischi e riprende la coreografia, ho trovato altrettante volte la forza di dire a me stessa ” Ok, ricomincio.”
Perciò oggi ti invito a questa riflessione.
Riguardiamola insieme questa scena, in questa mattina un po uggiosa di novembre, – clicca qui ==> http://youtu.be/FsZIO-vmn3c – e se sappiamo che in qualche area della nostra vita le cose non vanno come vorremmo, prendiamo il coraggio di ammettere che sia così e di dire: ” Ok , ricomincio!”
Let’s play the music 

“What a feeling, bein’s believin’
I can’t have it all, now I’m dancin’ for my life
Take your passion, and make it happen
Pictures come alive, you can dance right through your life”

“Che sensazione! Essere è credere. So di potere avere tutto ed ora danzo per la mia vita
Prendi le tue passioni e falle realizzare.
Le immagini prendono vita e puoi danzare attraverso la tua vita.”

 

#flashdance #crederci #danzare #citazionicolte

Chi è il più felice

 

Che ho tanti difetti e limiti, si sa.
E facendo il lavoro che faccio, giuro che ci sto lavorando su 🙂
Eppure, qualche talento ce l’ho anche io ed una delle cose che mi riesce bene è l’essere felice.
L’essere di buon umore, insomma.

 

Lo stare bene, ecco.
Io sono il tipo che sorride sempre, per dire.
Sono una di quelle che vede i bicchieri mezzi pieni, insomma.
Una di quelle che non riesci a demotivare nemmeno se la paghi.
Oggi che ho 40 anni, credo di essere stata poco popolare come adolescente, anche per questo motivo !!
Alcuni dicono che sia stata una mia fortuna, che sia il “carattere” e sicuramente un po’ lo è.

Eppure oramai mi sono resa conto che non si tratta solo di fortuna, perchè è da quando sono bambina che mi alleno alla felicità .
Non me ne ero accorta prima, ma oggi so con certezza che è così.
Ho adottato inconsciamente tante “tecniche” e “strategie” mentali per produrre in me uno stato emotivo felice per buona parte delle mie ore di veglia e l’ho fatto davvero senza accorgermene.
Solo oggi, dopo tanti anni di esperienza e dopo quello che ho studiato, ho capito che cosa ho fatto ed ho capito come mai io sono così Happy Vale – già, questo è il soprannome che mi dà chi mi conosce bene.
Una delle tante strategie istintive e semplici che ho applicato e che oggi voglio condividere con te, è quella del dimenticare.

10447865_707755479281622_373587621291940729_n

Sì, hai letto bene, dimenticare. 

Chiedimi di un viaggio, di un’avventura, di un concerto, di un’emozione bella, di una lezione, di una persona affascinante, di una sfida… e posso parlartene per ore, entrando nei dettagli, nei colori, nel profumi, nei sapori. Di certi ricordi posso citarti, parola per parola, le conversazioni di quel momento.

Chiedimi di una lite, di una malattia, di una brutta esperienza, di qualche disavventura… e non ricordo quasi nulla. Zero. Cancellato. Annullato. Nemmeno se mi sforzo, riesco a trovare il file nei cassettini della mia memoria. 

Come ho fatto? Dopo avere affrontato un’esperienza negativa, ho memorizzato la lezione appresa e poi non ci ho pensato più.
Non ci ho semplicemente messo più nessun tipo di attenzione o energia. Ho focalizzato i pensieri su altro. Semplice semplice.

Penso senza ombra di dubbio che anche Tu utilizzando lo stesso approccio, possa eccellere nell’arte della felicità e del vivere bene!
Perciò , visto che la memoria è selettiva e che dentro il tuo archivio mentale personale è meglio non avere né confusione, né troppa quantità di informazioni inutili e magari anche dolorose, scegli con cura cosa memorizzare.

E tutte le volte che puoi, cancella i brutti ricordi del passato.
E ripeti a Te stesso.

” Quel che mi ha infastidito, non mi incuriosisce più. Quel che mi infastidisce, non mi incuriosisce.”

Uno dei miei mantra preferiti.

Sappi che c’è un effetto collaterale nel dimenticare i brutti ricordi.

A forza di pensare tanto a quel che ti ha fatto stare bene, attiri nella tua vita situazioni, persone, avventure ed emozioni simili che ti faranno stare altrettanto bene e forse anche di più.
Perciò, vedi Tu!! 🙂