Troppe Passioni? Come scegliere l’idea giusta per la tua attività

Continua la nostra rubrica “speciale mamme” in collaborazione con Valentina di Mammasfigata anche se devo proprio dirti che questo tema, tocca tutte noi donne: mamme e non!

Oggi infatti parliamo di passioni che si trasformano in profitti e capiamo come scegliere l’idea giusta per la tua attività. Ovvero come compiere l’ardua selezione , tra mille cose che ci piacciono, per scegliere quella su cui investire il nostro tempo e le nostre energie per crearci un ‘attività in proprio.

Prima di buttarci a capofitto a parlare di questo argomento, voglio che tu sappia che ti capisco.

Da donna multi-appassionata quale sono, capisco quanto frustrante e confusionale possa essere avere tante passioni ed hobby e voler fare tante cose diverse nella propria vita e non voler scegliere quella unica sola cosa, lasciando perdere tutte le altre.

Io amo il marketing, il coaching, la moda, le scienze, la mente, i vestiti, la danza, la musica, l’home decor, lavorare a maglia, l’arte, il cinema …. e tanto altro ancora!

Parlando poi di dover scegliere una passione sola per trasformarla in un’attività, la sfida si fa ancor più difficile: è quasi una tortura avere il timore di portare avanti quella sbagliata e magari ignorare quella giusta!

Se poi ti metti a provare a sintetizzarle tutte in un unico progetto, allora il deliro è assicurato e continui a provare ad incastrare i bambini col marketing e lo yoga, anche se senti, dentro di te, che non stai cavando un ragno dal buco.

La buona notizia è che esiste un modo per fare chiarezza e per focalizzarti sulla tua passione più giusta portandola a diventare un progetto di successo, senza necessariamente farti sentire come se stessi lasciando ingiustamente indietro le altre.

Ti guiderò infatti passo dopo passo ad acquisire questa chiarezza su come scegliere l’idea giusta per la tua attività e ti dirò:

  • qual è stato il nuovo modo di pensare che mi ha permesso di sfruttare la mia natura femminile di donna multi appassionata
  • quali considerazioni strategiche sia necessario compiere nell’ottica di compiere la scelta giusta.

Sei pronta? Cominciamo.

passioni

STEP 1 : LA GRANDE LISTA

Per prima cosa, prendi un foglio bianco e fai una lista di tutte le passioni che consideri tali e sulle quali pensi di poter creare una tua attività. Scrivi sul foglio tutto quello che ti frulla per la testa, in questa fase non escludere nulla, ci penseremo più avanti a fare una selezione strategica. Bene. Potresti avere una lista simile a questa.

  • Bambini,
  • crescita personale,
  • DIY,
  • India e Ayurveda,
  • scrap book,
  • viaggi,
  • danza,
  • social media,
  • home decor,
  • moda,
  • geek life,  
  • and so on ….

STEP 2 : NO CLARITY NO PARTY

Ora che hai la tua lista di passioni, è giunto il momento di fare il primo vero passaggio di consapevolezza che è molto semplice e che ti rivelerò in modo molto schietto.

Mi spiace, non puoi monetizzarle tutte!

Solo perché sei appassionata di qualcosa, non significa che puoi crearci un business e diventarci ricca, questo per ben due motivi.

Motivo uno: alcune delle tue passioni sono belle, ma nessuno sarebbe disposto a pagarti perché tu te le goda. Se ad esempio sei appassionata di mandala come me e ne colori –  mediocremente molti –  non credo che ci sia qualcuno disposto a pagarci per disegnare e colorare mandala tutto il giorno. Tu che dici?

 

Motivo due: alcune delle tue passioni sono belle, ma non ne sei poi così appassionata da crearci una tua attività. Io ad esempio, per quanto mi diletti a colorare i mandala per svariati motivi – e qui puoi scoprire come li sfrutto per avere illuminazioni – , non ci creerei su un progetto.

Non scordarti poi il fattore “svago”: alcune passioni, devono restare passioni. Poiché sono la tua valvola di sfogo, il tuo “spazio sacro” rigenerante. Lo yoga ad esempio è una grande passione, ma prima di crearci su un business, ti consiglio caldamente di riflettere sul fatto che un conto è praticarlo e un conto è insegnarlo, con tutto altro tipo di responsabilità.

Quindi l’azione da compiere in questo passaggio è prendere in mano la lista che hai compilato prima ed eliminare tutte le passioni che ritenete inadatte per voi e che volete mantenere come sole passioni senza dedicare loro tutta la vostra vita.

Disclaimer: questo punto richiede molta onestà intellettuale ed emotiva. Per svolgere questo esercizio mi raccomando, ascolta la tua pancia.

STEP 3 : BACK TO THE FUTURE

Ora le cose si fanno serie.

Per compiere questo step, dovrai per un attimo usare la DeLorean di Doc come una novella Martin McFly e catapultarti in uno scenario futuro in cui , ovviamente, tu e i tuoi cari, siete i protagonisti.

In questo scenario, devi vedere la te stessa che ha fatto la scelta di portare avanti una passione e lasciarne indietro altre.

Guardati. Vedi come sei bella, ben curata, caspita, ti sei proprio mantenuta bene, eh?! Vedi le persone intorno a te, vedi cosa fai, vedi dove vivi e poi, chiedi a questa “futura te stessa” :

Mi sono pentita di non avere considerato seriamente XYZ,  mia grande passione per crearne un business ?”

Ed ascolta la risposta che viene da dentro di te.

Anche qui vale il disclaimer del punto 2: fidati di quel che ti dice l’istinto. Non elucubrare troppo con la testa.

Esamina tutte le tue passioni e fai viaggi nel futuro per ciascuna di esse, analizzandole una ad una. Sai, nessuno ahimè può darti la risposta perché qui, sei proprio tu l’unica che la sa ! !!

Man mano che ti dai le risposte, elimina le passioni che sai non essere per te così fondamentali da dedicarci la maggior parte del tuo tempo della tua energia e della tua vita.

STEP 4 : LIFESTYLE

Se vuoi sapere meglio cosa intendo quando parlo di Lifestyle e di visione di vita, ti suggerisco di leggere questo post ; di fatto, avere un obiettivo chiaro e sapere che tipo di vita vuoi vivere, ti aiuta anche nella selezione delle passioni.

Ti faccio un breve esempio. Una delle mie grandi passioni è la moda.

Per 14 anni ho avuto molto successo nel mondo della moda; ho organizzato le sfilate di grandi brand, ho conosciuto personaggi di spicco del fashion system, ho collaborato alla realizzazione di migliaia di sfilate per capi di stato, sceicchi, personalità dello show business, giornalisti, VIP e famosi proprietari di boutique. Ho personalmente guidato la regia di sfilate con modelle del calibro di Naomi Campbell e Linda Evangelista ed ho gestito budget da milioni di euro . Insomma, diciamo che da un certo punto di vista le cose andavano molto bene.

Però, per vari motivi che puoi leggere qui, avevo iniziato a carezzare l’idea di cambiare vita e trasformare la mia carriera, facendo della mia altra grande passione per la crescita personale e la comunicazione un business tutto mio.

Cominciavo ad avere ben chiaro che il mio stile di vita desiderato aveva a che fare con la Totale Libertà e che raggiungerlo, lavorando nel mondo della moda, sarebbe stato impossibile. Poca indipendenza, totale dedizione, scarso riconoscimento, eccessiva richiesta di disponibilità di tempo, grandi sacrifici: questo richiedeva lavorare in quel mondo.

A questo punto della mia multi appassionata vita e carriera, ho dovuto prendere una decisione. Sapevo che se volevo avere successo e allo stesso tempo raggiungere uno stile di vita libero, non potevo disperdere le mie energie, ma dovevo restringere il campo e dedicare tutta la mia attenzione ad un unico settore che mi avrebbe permesso di avere entrambe le cose che volevo.

Quando questo mi è diventato chiaro e cristallino, era giunto il momento di mettere da parte gradualmente la mia carriera nel mondo della moda e dedicare il 100% del mio tempo e della mia attenzione alla creazione dei miei interessi nel mondo della comunicazione e del coaching, creando prodotti e servizi nel settore dello sviluppo sia personale che del business, avendo tra l’altro un impatto piacevole e decisamente più utile e ricco di significato sulle persone intorno a me.

La moda farà sempre parte della mia vita così come la sua bellezza: molte delle cose che scrivo, che penso e che dico, sono impregnate del glamour che amo. E la mia passione per le cose belle resta, basta guardare la scelta delle foto che faccio – sembrano sempre redazionali di magazine fashion – diciamo che la moda è decisamente parte del mio brand.

Infatti, la cosa bella di avere più passioni, è che si possono prendere tutte le proprie abilità, i propri talenti, le proprie esperienze, i propri punti di forza e farli convergere in un brand davvero unico, rendendo la nostra offerta veramente autentica ed originale sul mercato.

Ho preso tutto quello che ho sempre fatto e ho fatto leva proprio su questo nella mia attuale attività come coach, consulente  e speaker.

Quindi lo step da fare in questo step, è prendere sempre il tuo foglio e rispondere per iscritto alle seguenti domande: “ Che tipo di stile di vita voglio? E di reddito? Nel settore legato alla passione che vorrei sviluppare come business che limiti ci sono? Che vantaggi? Posso vivere il lifestyle che desidero?

Vedrai che rispondendo a queste domande, comprenderai ancora meglio quali passioni eliminare e quali salvare.

Come d’abitudine, ora condivido il risultato dell’esercizio svolto da Valentina di Mammasfigata e le sue riflessioni: leggendole potrai comprendere come tutte noi siamo ricche di sfaccettature, ma la chiarezza ci aiuta a diventare più forti e più di successo!

Il mio vero problema è che vorrei imparare tutto. Mi accendo in fretta e poi mi spengo altrettanto velocemente. È che sono un’inguaribile entusiasta. Poi, però, mi manca il metodo o il tempo o tutt’ e due. Oppure non sono troppo motivata, oppure alzo troppo l’asticella delle aspirazioni. Se non mi viene facile, se non eccello, allora mi smonto o, ancora più spesso: trovo qualcos’altro che mi sembra più entusiasmante, più adatto a me. Insomma, sono un casino. Diciamo che le mie grandi passioni sono tre (con un’infinità di declinazioni ed interessi a grappolo): viaggiare, scrivere e leggere. Per molto tempo ho pensato che avrei potuto fare la giornalista di viaggio, ma poi sarei stata sempre in giro e non avrei potuto avere una famiglia, il che era impensabile nella mia visione di vita. Perché se c’è una cosa che ho sempre saputo è che avrei avuto una famiglia. Quindi, i miei bambini, mio marito sono una parte fondamentale e fondante della mia vita. La prima in assoluto. Il che mi porta a scartare automaticamente tutti quei progetti che mi condurrebbero lontano da loro per troppo tempo o troppo spesso (che non vuol dire che non possa prendermi i miei spazi o che non possa star via una notte). Quindi i viaggi restano una passione che sto scoprendo, in modo diverso, anche insieme a loro. Della scrittura, invece, per tanti anni ne ho fatto un mestiere. Ho lavorato nelle redazioni per dieci anni circa. Risultato? Tanta frustrazione. Perché per fare questo mestiere come avrei voluto io, sarei dovuta andare quantomeno a Milano, a Torino, se non all’estero. Tanti pensano che scrivere sia solo una questione di creatività, ma non è così, è metodo, costanza, mestiere appunto. Non  siamo tutti Umberto Eco. Comunque, da questo punto di vista il mio blog mi dà soddisfazione: posso scrivere come piace a me, di ciò che più mi garba. Questo lavoro, comunque, mi ha condotto fin qui e rimarrà sempre una costante nella mia vita. Il lavoro nelle redazioni, inoltre, mi ha permesso di conoscere il mondo giornalistico in generale e quindi di oltrepassare il muretto: la comunicazione e le pubbliche relazioni. Anche lì, tanta fatica e pochi risultati, soprattutto in termini economici. Anche se nell’ultimo anno ho capito che avrei dovuto dire più no, rifiutare lavori mal pagati, solo perché “gira così”. I figli mi hanno dato 2 armi vincenti: consapevolezza e limiti. Limiti? Sembra un controsenso, vero? Eppure quando sei limitata devi per forza selezionare di più. Quindi, ora mi trovo all’ennesimo bivio, cosa voglio fare da grande? Ma soprattutto, chi mi pagherà per fare quello che vorrei? In questi mesi, un po’ per caso un po’ per gioco, ho iniziato a fare formazione: corsi per adulti, formazione aziendale, consulenze. E sai una cosa? Mi piace. Mi piace perché riesce a coniugare la mia passione per la lettura (e lo studio) con la mia innata capacità di “tenere banco”. Ora sto pensando di prendere una seconda laurea. Vale, lo so che questa prima parte del nostro percorso insieme si è conclusa, ma ho appena intravisto qualcosa, e ora dove andrò? Quella cosa di usarti, ecco, mi sa che potrebbe servire 😉 

Ecco fatto.

Questo lavoro è una bella scansione delle tue passioni, fatta però con l’occhio da freelance e imprenditrice – o aspirante tale – e ti assicuro che se svolgerai l’esercizio con onestà, ne trarrai giovamento e risparmierai a te stessa tanti grattacapi, dubbi e future frustrazioni. E chissà che non ti si aprano nuove porte ed orizzonti.

A breve scriverò anche un altro post su questo argomento, approfondendo il tema della scelta dell’idea giusta fondendolo con qualche risorsa succosa di personal branding : il tutto aggiungendo altri passi importanti che puoi compiere nell’ottica di scegliere la passione giusta in modo che questa ti faccia guadagnare tanto. Stay tuned.

Ora tocca a te

Scrivi qui sotto come è andata. Quali passioni hai?

Hai ancora dei dubbi e vuoi chiedermi come fare?

Usami, son qui per te.

I miei 6 libri dell’ estate 2015

Una delle cose che mi mette maggiormente di buon umore è l’esatto momento in cui, sollevando la cornetta del citofono, sento dall’altra parte la voce dire “ Corriere!”

Che bella sensazione ricevere un pacco! Non so tu, ma a me piace un sacco: forse è una specie di àncoraggio positivo che mi si è installato all’apertura dei doni la mattina di Natale. Chissà!

Comunque, quando arriva un pacco, nove volte su dieci si tratta di libri e compro spesso da Amazon o da Macrolibrarsi: ebbene sì, lo ammetto, sono un po’ una specie di secchioncella, nel mio lavoro. A mia discolpa però posso dirti che, qualche volta nel pacco ci sono acquisti molto frivoli e inutili provenienti da Asos – anche se cerco di trattenermi perché quel sito è una tentazione continua! 🙂

Comunque, tornando a noi.

Sono arrivati da poco i libri che mi sono ordinata per l’estate 2015 ed ora condivido con te quali sono i testi, vecchi e nuovi, che porto con me in montagna da studiare e leggere.

Io leggo molti testi per ampliare le mie conoscenze per lavoro ; è il mio dovere come coach e consulente offrire sempre spunti ed idee nuove alle mie clienti. Però sai, sempre più spesso mi rendo conto che leggendo per lavoro, leggo soprattutto per me stessa e mi appassiono talmente tanto che non è affatto un “dovere”, ma totalmente un piacere farlo.

Se anche tu sei appassionata di idee, progetti, crescita, business e personal branding, allora ecco qui i miei 6 libri dell’estate 2015 .

libri dell'estate 2015

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

# 1 Excuse me, your life is waiting The Astonishing Power of Positive Feelings. 

Di Lynn Grabhorn

61UIc7ouCAL._SL1000_

Ho conosciuto questo libro grazie ad uno dei miei maestri, Bob Proctor, che lo consigliava caldamente nella sua lista dei libri da leggere assolutamente. A me piace perché parla di legge dell’attrazione senza parlarne e spiega con un linguaggio molto semplice il potere che nella nostra vita e sulla nostra vita hanno le emozioni. Dà anche dei consigli pratici di vita quotidiana. Se conosci l’inglese, altamente consigliato. Io me lo rileggo perché “repetita iuvant”.

→ Lo consiglio perché: dopo tanto parlare di Legge dell’attrazione, un libro concreto e di applicazione quotidiana, ci vuole proprio.


#2 Partire dal Perché

Di Simon Sinek

71uONarhqpL._SL1485_

Questo me lo sono comprata in italiano dopo essermelo letto in inglese l’anno scorso. Se tu non avessi visto ancora il famoso video di Simon che parla del concetto “golden circle” e di quale sia la caratteristica comunicativa fondamentale di ogni leader o imprenditore per avere un seguito di affezionati clienti/followers , puoi trovarlo qui. Voglio rileggerlo per inserire alcuni nuovi spunti all’interno del corso che lancerò a settembre in cui aiuterò le mie clienti a far brillare il loro business personalizzando in modo totalmente autentico.

Lo consiglio perché: imparare che credere in quello che vendi è molto più potente che conoscere i dettagli di quel che vendi, ti farà amare la vendita e ti farà scoprire che si tratta solo di raccontare chi sei.


#3 Facciamoci Avanti

di Sheryl Sandberg

41LcuJV8ntL._SX358_BO1,204,203,200_

Dopo avere divorato più e più volte il video del suo speech al TED ed avere tratto inspirazione da esso per tante sessioni di coaching e per trovare le parole giuste da dire per motivare molte donne che si trovano a combattere tra carriera e lavoro, ho deciso che era ora di leggere anche il suo libro. Facciamoci avanti, una chiamata al risveglio di tutte noi donne che lavoriamo ed è un tema a me molto caro e estremamente allineato alla mia missione di vita.

→ Lo consiglio perché: Ricordiamocelo ragazze, il Dalai Lama ha detto anni fa che Saranno le donne occidentali a salvare il mondo. Sarà bene non scordarselo e fare qualcosa per farlo accadere, no?


#4 102 Chili sull’Anima

di Francesca Sanzo

102-chili-sull-anima-102091

Questo libro mi incuriosisce molto, come del resto tutti i libri in cui si parladi trasformare noi stesse, tornando ad amarci. L’autrice ha perso 40 chili, che già di per sé è qualcosa di davvero trasformativi: ma questo libro non è il racconto di una dieta, quanto invece del processo prima di tutto mentale ed emotivo che ha dovuto affrontare per ottenere il vero e profondo cambiamento. “La mia muta ha avuto molto più a che fare con la scoperta di me che con la scelta di ciò che portavo in tavola” dice Francesca. Ed io sono profondamente convinta che questo concetto sia vero.

Lo consiglio perché: leggere il viaggio alla scoperta di sé stessa di un’altra donna, può ispirare ognuna di noi. Leggerò e vi saprò dire.


#5 Contratti Sacri

di Carolyne Miss

contratti-sacri-100609

Non so quanto tu conosca il concetto degli Archetipi di cui parò Carl Jung, io ne sono molto affascinata e sono molto affascinata dal loro utilizzo nel marketing e nel personal branding. Dopo aver letto e studiato qualcosa qui e là sui siti delle mie mentori americane, ho deciso di voler approfondire l’argomento. Questo libro, appena uscito in Italia, mi ispira perché mi è stato consigliato da un’amica che dopo averlo letto ha messo così bene a fuoco la sua missione da aver ottenuto risultati davvero incredibili nella sua vita e mi ha assicurato che Carolyn Miss conduce passo passo chi legge a scoprire i propri archetipi e come usarli per concretizzare i propri talenti e il proprio potere interiore.

→ Lo consiglio perché: conosci te stesso è la prima regola per tutto. Quindi perché non scoprire qualcosa in più su di te per poi applicarlo nella tua attività e nella tua vita?


#6 Il tuo libro dei piani e dei progetti

83782_picture_1361_3

Ecco il consiglio finale. Fatti un regalo quest’estate. Sì, lo son non è un libro, però con un pizzico di creatività e una buona dose di energia, potrebbe anche diventarlo. Acquista un quadernino, quaderno, block notes, diario… Quello nella foto è uno dei miei preferiti: il quaderno quadrato basic nero di Tiger ed è quello su cui progetto i miei corsi, su cui faccio le mie mappe mentali, i miei disegnini e i miei business plan. Non importa che aspetto ha, scegli tu, l’importante è che sia qualcosa con pagine su cui scrivere tutto quello che ti viene in mente.

  • esperienze che vorresti vivere
  • progetti che vorresti realizzare,
  • soldi che vorresti guadagnare
  • cose nuove che vorresti imparare
  • persone che vorresti aiutare,
  • abilità che vorresti migliorare
  • buone abitudini che vorresti acquisire

Lascia volare la tua fantasia e concediti il lusso di sognare e il coraggio di credere.

Non restare imbrigliata negli schemi vecchi, disegna, crea, progetta, sogna, scrivi, liberati e scopri la tua totale libertà.

Ne vale la pena!

 

Avviare un’attività mentre si lavora da dipendenti? Parliamone

L’argomento di cui parleremo oggi è piuttosto “caldo”.

Tagliamo subito la testa al toro: come tutti sanno, il periodo che stiamo vivendo è molto difficile. Tante persone non hanno un lavoro, mentre quelle che ce l’hanno spesso si trovano in una situazione precaria o comunque non ideale.

Ci sono però anche donne che hanno una propria attività, sono indipendenti e riescono a supportarsi facendo qualcosa che amano, nonostante le tante difficoltà e preoccupazioni..

L’indipendenza è senza dubbio un sogno di tanti. Come tutte le cose più belle, però comporta sacrifici non da poco.

Oggi rispondo quindi ad una domanda che mi viene posta spesso:

come avviare un’attività mentre si lavora da dipendenti?  

dipendentie

Anche se in questo momento non hai un lavoro, continua la lettura; troverai comunque consigli utili.

# 1 Inizia in piccolo

Avviare un business è di per sé molto difficile, farlo di sera o nel tempo libero è ancora più complesso. Per questo è importante che tu sia realistica nelle tue aspettative.

Come vedremo di seguito, è fondamentale che tu continui ad investire le “normali” ore lavorative su attività che generano reddito, così da essere in grado di supportarti e finanziare il tuo nuovo business.

Il mio consiglio è di iniziare in piccolo. Evita di promuoverti come una multinazionale quando non sarai in grado di gestire tutto il lavoro. Piuttosto, fai un buon personal branding, fatti conoscere personalmente e dedica tutta la tua attenzione ad un numero ristretto di clienti che tratti con i guanti. 

#2 Valuta se hai abbastanza tempo di sera e durante i weekend per dedicarti al tuo business; crea una routine 

Non importa quante ore tu possa dedicare al business, se cinque o venti.

Ciò che è importante è che tu sia costante, allocando degli orari definiti allo sviluppo del business.

Quando ho avviato la mia attività avevo creato una vera e propria routine: svolgevo il mio lavoro “pagato” durante la giornata, quindi cenavo con mio figlio e poi dedicavo le ore serali – per non dire notturne –  allo sviluppo del mio business.

Puoi fare lo stesso durante il weekend. Per esempio, punta la sveglia di prima mattina come in qualunque giorno lavorativo e dai il tuo meglio tra le 8 e le 11.

#3 Non sacrificare (troppo) la tua vita familiare ed il tempo speso con gli amici

Se vuoi avviare un’attività mentre lavori, per definizione dovrai sacrificare parte del tuo tempo libero.

Questo significa serate e weekend, come abbiamo già visto nel paragrafo precedente.

Ritagliati comunque del tempo da dedicare alla famiglia ed agli amici.

Il mio consiglio è di non saltare mai i pasti in famiglia e di organizzare almeno una volta alla settimana una passeggiata o una pizza con gli amici. Fondamentale per ricaricarti e svagarti: la mente necessita anche di divertimento e leggerezza per nutrirsi. Garantito!

#4 Ottimizza la tua produttività

Il  tempo che puoi dedicare al tuo business è poco, devi cercare di sfruttarlo al massimo!

Ecco alcuni semplici consigli:

  • negli orari in cui lavori sulla tua attività, limita al massimo tutte le distrazioni (sembra scontato, ma richiede molto impegno). In pratica: togli tutte le notifiche che suonano, lampeggiano e vibrano e concentrati solo su quel che stai facendo;
  • prova la tecnica del pomodoro: lavora per 20 minuti di fila puntando un timer senza alcuna interruzione, quindi prenditi 5 minuti di pausa e ripeti;
  • alla fine del lavoro, preparati già la lista delle cose da fare nella “sessione” successiva;
  • non farti distrarre da email e telefonate che sembrano urgenti ma che in realtà non lo sono. Dai priorità alla tua lista di attività, senza sgarrare (rispondere alle email dovrà diventare una vera e propria attività da inserire nella tua lista).

Per altre idee su come ottimizzare il tuo lavoro quando il tempo scarseggia, leggi questa guida che ho scritto per te.

#5 Datti degli obiettivi

Se vuoi ottimizzare il tuo lavoro, datti degli obiettivi:

  • settimanali,
  • mensili,
  • per i prossimi sei mesi,
  • annuali.

La velocità alla quale sarai in grado di raggiungerli ovviamente dipende da quante ore puoi dedicare al tuo business. Gli obiettivi dovranno quindi essere realistici e quantificabili.

Evita obiettivi del tipo: “avere un numero sufficiente di clienti”.

Qual è un numero sufficiente? Cinque, dieci o venti?

Se ancora non lo sai, probabilmente devi lavorare sul tuo business plan.

Per quanto riguarda gli obiettivi settimanali, suddividi la lista in attività molto specifiche.

La lista si allungherà, però riuscirai a spuntarla più velocemente e ti darà molta soddisfazione. Provare per credere.

#6 Collabora con freelancer

Quando avvii un’attività dovrai fare TUTTO: dall’amministrazione al supporto clienti, dalla gestione del sito allo sviluppo delle strategie di marketing.

Se hai tempo limitato, è difficile riuscire a gestire così tante attività o, addirittura, cercare di imparare a fare tutto da zero.

Se vuoi velocizzare lo sviluppo del tuo business, ti consiglio di collaborare con dei freelancer. Su piattaforme come Elance e Twago trovi professionisti per qualunque attività.

Collaborare con un freelance è un’ottima idea anche se vuoi offrire un servizio di assistenza veloce, però sei impegnata durante i normali orari di lavoro. In questo caso, ti sarebbe molto utile rivolgerti ad un’assistente virtuale.

#7 Non compromettere il tuo lavoro principale

Se hai già un lavoro, assicurati di non comprometterlo o farti distrarre dai tuoi progetti imprenditoriali. Il tuo lavoro è infatti ciò che ti dà sicurezza e ti permette di finanziare il tuo nuovo business.

Se invece non hai un lavoro, inizia o continua la ricerca per una posizione part-time. La realtà è che avviare un business richiede tempo e probabilmente non sarai in grado di generare un reddito fisso nel giro di un paio di settimane.

Da qualche parte bisogna iniziare, però passeranno sicuramente diversi mesi prima che la tua attività sia ben strutturata ed inizi ad attrarre regolarmente clienti.

Se purtroppo non riesci a trovare una posizione pagata, dedica tutte le energie allo sviluppo del business, così da vedere i risultati il prima possibile (continua però a mandare domande di impiego).

Cerca anche di ottimizzare le spese della tua attività. Il mio consiglio è di sfruttare il web al massimo, dove puoi trovare sia risorse che strumenti del tutto gratuiti.

Includo anche un video che ho registrato un po’ di tempo fa, in cui parlo proprio di come avviare un’attività quando non abbiamo tanti soldi a disposizione:

 

Siamo arrivate alla fine di questo post. Riassumiamo quanto ci siamo dette:

  • Si può avviare un’attività mentre si lavora da dipendenti? Sì.
  • Quando lavoro richiederà? Dovrai lavorare, letteralmente, giorno e notte.
  • Ce la farò? Se ci metti energia e impegno, assolutamente sì (assicurati però di fare un business plan per assicurarti che l’attività sia sostenibile).

Per questo articolo è tutto. Come sempre, ti invito a lasciare qualunque domanda o condividere la tua esperienza nella sezione commenti qui sotto!

10 motivi per creare un blog, qualunque sia il tuo business

Il tuo business ha un sito web? 

Gestisci anche un blog? 

Negli ultimi mesi, dopo avere condotto diverse sessioni del mio corso Non solo Business Plan, mi sono sentita tante volte rivolgere questa domanda: “Vale, mi conviene iniziare facendomi un sito oppure un blog?” 

Per prima cosa, facciamo una distinzione tra sito web e blog: il sito è la piattaforma online che rappresenta la tua attività. Il blog, può esistere a sé oppure fare parte del sito. Nello specifico, il blog è un archivio di post pubblicati e visualizzati in ordine cronologico.

Mentre i cosiddetti “siti vetrina” sono composti da pagine statiche (che rimangono cioè invariate nel tempo, come la pagina “Chi Siamo”, “Servizi”, eccetera), il blog è una  raccolta di articoli, uno in successione all’altro. Molto spesso, il blog fa parte del sito web ed è mio consiglio spassionato, che anche tu, se hai una tua attività, inserisca il tuo blog tra le pagine del tuo sito.

Non c’è dubbio che avere un sito sia fondamentale per qualunque attività. Da un punto di vista di marketing, il blog è altrettanto – se non più – importante. Perché?

Di seguito trovi ben 10 motivi per creare un blog:

creare un blog

10 motivi per creare un blog il prima possibile!

#1 Creare e gestire un blog è facile 

Usando WordPress, chiunque può creare un blog anche senza avere conoscenze tecniche approfondite.

Nella fase di realizzazione del blog potresti avere bisogno di fare un po’ di ricerca e/o richiedere supporto ad un tecnico. Però la gestione a lungo termine è veramente semplice.

Se ce l’ho fatta io, ti assicuro che ce la puoi fare anche tu 🙂

#2 Creare un blog è poco costoso

Se sei disposta a realizzare il tuo blog da sola, il costo che dovrai sostenere si limiterà all’acquisto del dominio e dello spazio server (esistono anche piattaforme del tutto gratuite come Wix, che spesso risultano però meno professionali).

Il mio consiglio è quello di acquistare sin da subito il tuo dominio – ovvero il nome del tuo sito e blog –  e lo spazio hosting – ovvero uno spazio online che ti ospiti – ed installare su questo spazio di tua proprietà il tuo sito e il tuo blog.

Da un punto di vista di marketing, il blog è uno strumento potentissimo. Senza dubbio ha un ottimo rapporto risultati/prezzo.

#3 Il blog migliora il posizionamento del tuo sito su Google & Co. 

Vuoi che il tuo sito abbia una buona posizione sui motori di ricerca? Allora il blog non può veramente mancare.

I motori di ricerca adorano i contenuti ricchi di testo ed i siti che vengono aggiornati frequentemente.

Attraverso il blog, farai entrambe le cose!

#4 Il blog ti aiuta ad affermarti come autorità nel tuo settore

Questo punto è collegato al precedente.

Avere un buon posizionamento sui motori di ricerca ha innegabili vantaggi per quanto riguarda visibilità e contatti.

Se il tuo sito è in alto nell’indice Google, chi cerca informazioni su un particolare argomento probabilmente finirà sul tuo blog. Più informazioni e più traffico avrà il tuo blog, maggiore sarà la tua autorevolezza nel settore (il requisito di base è, ovviamente, che le informazioni che fornisci siano accurate ed approfondite).

#5 Attraverso il blog, puoi informare i potenziali clienti

Come ho già approfondito in questo post, offrire informazioni gratuite è un’ottima strategia per trovare nuovi clienti.

Il blog è la piattaforma perfetta per condividere contenuti, informando tutti i potenziali clienti sul tuo prodotto, sui tuoi servizi e sul tuo “stile”.

#6 Con il blog, puoi tenerti in contatto con i clienti esistenti

Trovare un nuovo cliente è un ottimo risultato; l’obiettivo è però quello di trasformare i clienti in veri e propri follower affezionati.

Il blog è uno strumento molto efficace per tenersi in contatto con chi ha già acquistato da te.

All’interno del tuo servizio di newsletter, crea una lista separata per i clienti passati ed invia loro i tuoi nuovi post via email, così come offerte speciali.

#7 Il blog aiuta a creare la tua lista di contatti

Se pubblichi nuovi post regolarmente, le persone saranno interessate a ricevere una notifica quando c’è un nuovo articolo da leggere.

Attraverso il blog, sarai quindi in grado di creare una lista di contatti iscritti alla newsletter.

Si tratta di persone interessate all’argomento che tratti; di fatto, potenziali clienti!

#8 Attraverso il blog, puoi farti conoscere meglio! 

A tutti piace sapere “con chi si ha a che fare”. Il blog deve essere uno spazio dove fornisci informazioni utili agli utenti, ma lo fai in modo molto personale.

E’ essenziale che, attraverso le parole, tu faccia trasmettere la tua personalità: come mi piace sempre ricordare, una delle vere chiavi del successo è l’autenticità; tanto più sarai te stessa, tanto più attirerai i tuoi clienti ideali .

Se ti va, ti consiglio anche di creare dei video da pubblicare su YouTube ed incorporare nei post, proprio come ho fatto io.

# 9 Nella sezione commenti, avrai modo di interagire direttamente con gli utenti

Il modo migliore di sapere di cosa hanno bisogno i tuoi utenti è fartelo dire direttamente da loro!

La sezione commenti del blog è il posto ideale dove intrattenere conversazioni con chi visita il tuo sito.

Sarai sorpresa da quante idee riuscirai a raccogliere proprio grazie ai commenti degli utenti.

#10 Il blog potenzierà le tue attività sui social 

Probabilmente sei già attiva sui social: Facebook, Twitter, Instagram, eccetera.

I social sono fantastici per interagire con chi ti segue; da un punto di vista business, l’efficacia delle condivisioni è però limitata a al breve periodo in cui queste sono visibili sulla bacheca degli utenti.

Se scrivi un contenuto interessante sul blog, condividine il link sui social. In questo modo, gli utenti saranno portati sul tuo sito dove potranno anche iscriversi alla newsletter.

In questo caso avrai “guadagnato” il contatto di un potenziale cliente, molto più utile di un “Mi piace” su Facebook.

Questi sono ben 10 motivi per creare un blog per promuovere il tuo business.

Tu ci avevi mai pensato? 

Pensi che possa essere un’attività utile e che ti piacerebbe intraprendere, oppure gli aspetti tecnici ti spaventano? 

Mi farebbe molto piacere se tu volessi lasciare un commento qui sotto, al prossimo post!

I miei consigli per avviare un’attività di coaching su Internet

La guida di oggi è un po’ diversa del solito: mi rivolgo infatti a chi ha il desiderio di intraprendere una carriera ben precisa. Cioè, quella di coach.

Ho scritto questo articolo pensando sia a chi vuole iniziare ad offrire servizi di coaching, intraprendendo quindi una nuova carriera, sia a chi lavora già in questo campo ma ha il desiderio di sfruttare le potenzialità di Internet per fare crescere la sua attività.

Personalmente, sono online seriamente con la mia attività dal 2010 – prima ero online, ma non avevo mai utilizzato in modo efficace questo mezzo potente – ed il web è stato per me uno strumento veramente utile . Mi permette infatti di raggiungere un numero molto più ampio di persone ed offrire i miei servizi in tante modalità, oltre alle classiche sessioni di coaching “faccia a faccia”.

Prima di iniziare con i miei suggerimenti però, ci tengo a chiarirti una cosa.

Fare questo lavoro, oggi anche molto di “moda”, richiede impegno e costanza proprio come tante altre professioni; non pensare di aprire un sito, un blog e una pagina Facebook e di avere la fila di clienti che ti scrivono email per pagare le tue sessioni da migliaia di euro 🙂

Questo lo dico solo per sgombrare il campo da tutta quella foschia che alcuni messaggi che leggo in giro sul web, sembrano creare, illudendo le persone che bastino 20 minuti per essere sul web e diventare ricchissimo. Ok?

Detto ciò, vediamo quindi come puoi anche tu avviare un’attività di coaching su Internet e sfruttare la tecnologia che oggi abbiamo a disposizione nel migliore dei modi.

coaching su internet

 Identifica la tua nicchia ed il tuo cliente ideale

Ebbene sì, anche nel coaching ci sono diverse nicchie. Potresti rivolgerti a chi desidera cambiare carriera, a chi vuole lavorare su se stesso, a chi ha delle insicurezze da superare, a solo uomini o solo teenager, a single o divorziati … e molto altro ancora.

Per mia esperienza, è molto più efficace rivolgersi ad un gruppo di persone ben preciso, offrendo servizi volti alla risoluzione di un problema/desiderio specifico. So che la tentazione sia quella di offrire un servizio a tutti, perché dentro di te credi e sai che un percorso di coaching può essere importante per tutte le persone – o quasi – ma se offri qualcosa di “generico” , molto probabilmente non “prenderai” nessuno.

Identificare un target preciso ti permetterà di diventare un vero e proprio punto di riferimento nella tua nicchia. Certo, ti rivolgerai a un numero minore di persone, però sarai in grado di offrire loro le soluzioni e le informazioni di cui hanno VERAMENTE bisogno e che sono totalmente disposte a pagare.

Crea la tua strategia 

Il coaching è un lavoro bellissimo, che permette di aiutare le persone e supportarle in un percorso verso il raggiungimento dei loro obiettivi.

Se però vuoi che il coaching sia il tuo lavoro a tempo pieno, dovrai creare una vera e propria strategia – sì, parliamo anche di soldi!

Ci sono tanti aspetti a cui pensare, come per tutte le attività: come generare reddito e pagare le spese, come gestire eventuali collaboratori, come metterti in regola da un punto di vista fiscale e contabile…

Quello di cui hai bisogno è un Business Plan.

Recentemente, ho parlato diverse volte di questo documento ed ho sempre notato particolare interesse da parte di chi segue il blog. E’ universalmente riconosciuto che la stesura del Business Plan sia una fase fondamentale per qualunque attività, nuova o in evoluzione.

Se vuoi crearne uno ma non sai da che parte iniziare, leggi questa guida.

Nella stesura del Business Plan, dovrai pensare anche a come offrire i tuoi servizi. Come ho già menzionato, il web ti permette di andare oltre alle classiche sessioni di coaching: potresti creare coaching di gruppo con Google Hangout, corsi online con dei webinar, un gruppo su Facebook, offrire sessioni Skype, creare un podcast, eccetera.

Per un po’ di ispirazione, dai un’ occhiata alla mia pagina Corsi & Coaching Online o alla mia pagina su Youtube.

 Porta la tua attività sul web

Se decidi di lavorare online, dovrai fare i conti con tanti aspetti tecnici non da poco. Per prima cosa, dovrai avere un sito web – idealmente anche con un blog da tenere aggiornato con costanza. Quindi, dovrai creare un profilo sui principali social. Infine, configurare un sistema di newsletter.

L’ideale sarebbe ovviamente appoggiarsi ad un professionista sia per la creazione del sito che per la manutenzione tecnica della tua presenza online.

Se però al momento non hai le risorse per rivolgerti ad un servizio esterno, non disperare! Il bello del web è che offre tantissimi strumenti per fare tutto in modo indipendente, anche se non hai alcuna conoscenza tecnica, proprio come ho fatto io. A questo proposito, ti consiglio di leggere la guida che ho scritto sull’argomento.

Un piccolo consiglio: lavorando come coach, è fondamentale riuscire a comunicare in modo efficace. E’ importante che le persone possano imparare a conoscerti. In questo senso, funzionano molto bene i video. Il testo scritto è senza dubbio utile, però non può in alcun modo sostituire un video in cui si sente la voce e si vede il modo di esprimersi delle persone.

Ricordati che le persone scelgono te, perché sei tu. Quindi più fai conoscere chi sei, quello in cui credi, cosa ti piace, il tuo stile e più avrai buone chance di attirare i clienti più corretti per il tuo business e per il tuo e loro successo.

 Trova i tuoi primi clienti! 

Come hai notato, voglio essere molto sincera con te; nella fase iniziale del tuo business, la maggior parte dei nuovi clienti arriveranno probabilmente attraverso il passaparola. Quando si avvia un sito, ci vuole infatti un po’ di tempo prima che attragga un buon volume di traffico e generi richieste di contatto.

Avviare un’attività di coaching su Internet però serve proprio a questo! Ad andare oltre al tuo cerchio locale di conoscenze, espandendoti – virtualmente – a tutto il mondo.

E’ però anche vero che sul web c’è tantissima scelta. Per te, questo vuol dire molta più concorrenza.

Una buona strategia per trovare nuovi clienti consiste nell’offrire informazioni gratuite e “tester” del tuo servizio.

Per quanto riguarda le informazioni gratuite, ti rimando a questa guida.

Per quanto riguarda i “tester” del tuo servizio, procedi in questo modo:

Probabilmente, continuerai ad offrire sessioni di coaching via Skype/telefono e di persona. Determina un numero di ore di coaching che puoi offrire gratuitamente ai nuovi clienti. Quindi, annuncia sui social ed attraverso la tua newsletter che le prime persone che ti contatteranno potranno beneficiare dell’offerta. Durante queste sessioni gratuite, potrai parlare con i tuoi potenziali clienti e successivamente trasformarli in clienti veri e propri.

Avviare un’attività di coaching su internet richiede molto lavoro, però offre tantissime opportunità.

Ti permetterà anche di diventare un coach migliore, in quando potrai confrontanti con persone che vivono in modo sicuramente diverso dalla tua realtà locale ed è ascoltando quel che chiedono, quel che temono, quel che desiderano che riuscirai a calarti meglio nella realtà delle persone che vuoi aiutare ed aiutarle veramente.

Cosa ne dici? Sei anche tu una coach? Sei già presente sul web? 

Oppure, stai pensando di avviare un’attività di coaching su Internet? Hai dei dubbi specifici? Preoccupazioni che ti bloccano?  

Ti invito a lasciare tutti i tuoi commenti qui sotto al post.

Trasforma le difficoltà in punti di forza per avere successo

Quando si avvia un’attività, è giusto cercare di apparire (ed essere!) estremamente professionali.

Che il tuo business sia grande o piccolo, i clienti hanno diritto al miglior servizio disponibile sul mercato.

Stai però attenta a non confondere la professionalità con l’apparire fredda e distaccata o, peggio ancora, non autentica.

 

Non c’è cosa peggiore che fingere di essere “perfetta” perché spesso si rischia di risultare costruite e finte: e francamente di tuffa in giro ce n’è già abbastanza e molte persone preferiscono invece scegliere servizi e prodotti presentati in modo trasparente, sincero ed autentico.

Se vuoi che la tua attività sia un vero e proprio successo, lascia trasparire la tua personalità, abbi un approccio diretto con i clienti e non essere timida!

I business sono fatti prima di tutto da persone, ed è con queste che il pubblico vuole relazionarsi.
Per arrivare dove ti trovi in questo momento, sicuramente hai affrontato delle difficoltà. Forse, queste sono proprio il motivo che ti ha spinto ad avviare il tuo business: il desiderio di aiutare qualcuno che si trova nella stessa situazione.

Nella guida di oggi vedremo quindi come sfruttare le difficoltà che hai affrontato, senza nasconderle ma trasformandole in veri e propri punti di forza.

trasforma le difficoltà

Trasforma le difficoltà in punti di forza, ecco come 

Identifica quali sono state le tue difficoltà

Per prima cosa, è importante definire con chiarezza qual è stata la difficoltà che hai affrontato.

Se si tratta dell’idea attorno alla quale hai creato il tuo business, potrebbe esserti già chiaro.

In altri casi, dovrai forse riflettere sul passato e ripercorrere i passi che ti hanno portata dove sei oggi.

Oltre a darti chiarezza, riflettere sulle difficoltà superate ti darà molta forza.

Ti è mai capitato di ripensare al passato e quasi non credere a quante cose hai vissuto e affrontato? 

Ora forse ti starai chiedendo: di quali difficoltà stiamo parlando? 

Le difficoltà a cui faccio riferimento in questa guida possono essere di tutti i tipi, da periodi difficili da un punto di vista emotivo a problemi nel campo lavorativo, delle relazioni, purtroppo, anche di salute.

Non deve però necessariamente trattarsi di difficoltà così importanti.

Per esempio, potresti essere riuscita a superare uno scoglio come l’apprendimento di una nuova lingua o, perché no, anche la messa in regola della tua nuova attività!

Ti posso assicurare che, sicuramente, ci sono migliaia di persone che in questo momento stanno affrontando lo stesso problema.

Pensa alle persone che stanno vivendo le stesse difficoltà

Non sarai mai l’unica ad affrontare un problema.

Ti basta fare una semplice ricerca sul web; per qualunque domanda, dubbio o insicurezza si trovano centinaia di messaggi su forum e siti web.

Queste sono tutte persone che hanno lo stesso problema e che stanno cercano una soluzione o un conforto.

Se vuoi trasformare le difficoltà in punti di forza, cerca di capire chi sono queste persone e come puoi comunicare con loro.

Se la tua ambizione è quella di creare un vero e proprio servizio o prodotto volto ad aiutare gli altri a superare un problema, dai un’occhiata a questa guida su come creare un business plan.

Rifletti su cosa ti ha permesso di superare una specifica difficoltà

Questa è la soluzione che le persone cercano.

Come hai superato la difficoltà? 

Hai fatto un cambiamento? 

Hai trovato in te stessa una caratteristica o la forza che pensavi di non avere?

Oppure ti sei appoggiata ad una persona cara? O ad un professionista? O hai utilizzato un prodotto? 

O, ancora, hai dovuto far trascorrere del tempo e lavorare sulla tua mente e sullo spirito per riuscire a superare un periodo difficile?

Per quanto ovvia ti possa sembrare la risposta, rifletti su quanto hai dovuto lavorare per trovarla.

Abbiamo il vizio di pensare che le competenze siano solo quelle acquisite a scuola oppure frequentando corsi di studio. O che siano legate necessariamente alla nostra esperienza professionale. Invece le lezioni della vita, spesso sono quelle più preziose, oserei dire impagabili.

Condividere la tua esperienza e gli strumenti che hai utilizzato ti permetterà di aiutare chi si trova in una situazione analoga e non sa che pesci prendere.

Definisci come condividere la tua esperienza ed aiutare gli altri

Riuscire a superare un momento difficile o un’insicurezza è un successo fenomenale. Come abbiamo già visto, ci sono sicuramente moltissime persone che vorrebbero avere la nostra forza o poter usare gli stessi strumenti.

Ora che hai ben chiara la difficoltà che hai superato e le persone a cui ti rivolgerai, rifletti su come puoi condividere tutto questo.

Se condividerai informazioni, potresti scrivere un e-book, registrare un podcast, un video oppure – semplicemente – aprire un blog (in questo caso, ti rimando alla guida su come avviare un’attività online).

In altri casi, la tua soluzione potrebbe essere offerta come servizio o prodotto. Se desideri offrire un servizio, assicurati di dare al tuo business la struttura necessaria e di acquisire tutte le conoscenze di cui avrai bisogno.

Se invece vuoi offrire un prodotto, l’avviamento del tuo business è tutto un altro discorso! in questo caso dovrai decidere se rivendere un prodotto acquistato da un fornitore oppure svilupparne uno tuo. Questo è senza dubbio lo scenario più complesso.

Perché non devi essere timida

Hai paura che i tuoi potenziali clienti non apprezzino la tua sincerità?

Temi che condividere che tu stessa hai superato delle difficoltà ti faccia apparire meno professionale? 

Non temere. E’ vero che quando condividiamo i nostri momenti di difficoltà mostriamo una vulnerabilità, però permettiamo anche agli altri di mettersi nei nostri panni e questo crea connessione.

D’altro lato, dimostriamo di essere in grado di capire esattamente come si sentono le persone che si trovano nella situazione che noi abbiamo già vissuto.

Oltre a dare umanità al tuo business, renderai il servizio, le informazioni o il prodotto che offri molto più credibili.

Non sentirti in colpa ad offrire un servizio a pagamento 

Molto spesso, chi avvia un business con l’obiettivo di aiutare gli altri si sente in colpa nel richiedere un pagamento. Questo è vero soprattutto quando le persone a cui rivolgiamo si trovano in una situazione di difficoltà.

Cerca però di pensare che, avendo superato un problema analogo, sei probabilmente in grado di offrire una soluzione realmente efficace.

D’altro lato, generare un reddito ti permetterà di dedicare tutta te stessa al progetto. Non dovrai spartire il tuo tempo tra varie attività e, soprattutto, avrai la mente libera per dedicarti interamente alle tue clienti.

Senza la preoccupazione di come guadagnare per pagare le spese, potrai investire tutte le tue energie nel successo dei tuoi clienti.

Siamo arrivate alla fine anche di questa guida. L’argomento di cui abbiamo parlato oggi è piuttosto delicato; mostrare le nostre vulnerabilità talvolta è difficile, così come far pagare i clienti per aiutarli a risolvere una loro difficoltà.

Con il giusto equilibrio, tutto questo però ti aiuterà sia nelle relazioni con i clienti che nel creare un business di successo. L’aspetto più importante è sempre l’essere oneste e trasparenti.

Come al solito, passo a te la parola.

Hai mai pensato di condividere alcune difficoltà con i tuoi clienti? Oppure di costruirci attorno un vero e proprio business? 

Pensi che riusciresti a farlo, oppure incontreresti qualche “blocco”? 

Parliamone nei commenti.

Offri informazioni gratuite e vendi di più con il Content Marketing

Nella guida di oggi parliamo di Content Marketing: di come puoi utilizzarlo per trovare nuovi clienti e per tenerti stretti quelli che hai già.

Il Content Marketing è uno strumento potentissimo, alla portata di tutti. Se sei disposta ad investire il tempo necessario, potrai fare Content Marketing praticamente a costo zero. Il potenziale di guadagno è però notevole.

Se non hai idea di cosa vogliano dire i termini “Content Marketing”, non disperare. Nelle prossime righe troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno per iniziare a creare le tue campagne in completa autonomia. Cominciamo!

content marketing

 

Che cos’è il Content Marketing?

Content Marketing è il termine usato per definire una serie di attività volte a trovare nuovi clienti attraverso l’uso dei contenuti.

Il principio alla base di queste strategie è che, fornendo informazioni utili agli utenti in modo gratuito, sarai in grado di

  • instaurare con loro un primo contatto,
  • creare una lista di potenziali clienti qualificati,
  • educarli sul tuo prodotto e/o servizio,
  • convincerli che tu sei la fornitrice migliore per loro.

L’idea di offrire contenuti gratuitamente potrebbe inizialmente sembrarti un po’ strana.

Effettivamente, richiede di dedicare tempo ed energie ad un lavoro per il quale non sarai inizialmente retribuita.

I contenuti gratuiti ti permetteranno però di creare la cosiddetta lista – cioè, una lista dei contatti dei tuoi potenziali clienti.  La lista è uno degli elementi più preziosi del tuo business.

Facendo Content Marketing non genererai un profitto immediato; piuttosto, raccoglierai le informazioni per rendere le tue iniziative promozionali molto più efficaci.

Chi può usare il Content Marketing: funzionerà anche per la mia attività?

Facciamo subito una premessa: il Content Marketing funziona per tutti i tipi di attività, non solo per i business online.

Che tu abbia un negozio, uno studio professionale, offra servizi o venda prodotti online, potrai trarre enormi benefici da queste strategie.

Perché? Il motivo è molto semplice.

Come abbiamo visto nella sezione precedente, uno degli obiettivi di chi fa Content Marketing è quello di educare i potenziali clienti. Cioè, di fornire loro tutte le informazioni di cui potrebbero aver bisogno prima di effettuare l’acquisto. 

Le persone hanno bisogno di informazioni in qualunque settore.

Per esempio, se sei un commercialista, sicuramente sono moltissime le domande che ti vengono poste più e più volte.

In ambiti più “creativi”, spesso le persone hanno invece bisogno di idee ed ispirazione.

Per esempio, se prepari allestimenti floreali per matrimoni ed eventi – come fanno Claudia e Cristina – potresti pubblicare sul tuo blog immagini ed informazioni su progetti passati.

Inizia a fare Content Marketing: crea un sito web con un blog

Il primo passo per iniziare a fare Content Marketing è creare la piattaforma dove pubblicare i contenuti.

Il blog è sicuramente la soluzione più facile, veloce ed economica da implementare.

La piattaforma che ti consiglio di usare è WordPress, con cui ho costruito anche questo sito.

WordPress ti permetterà di creare, oltre al blog, un sito molto professionale su cui integrare tutti gli altri elementi di cui avrai bisogno per fare Content Marketing. Per esempio, il form di iscrizione alla newsletter e le pagine dove gli utenti potranno scaricare le risorse.

Hai bisogno di maggiori informazioni su quali strumenti usare per portare la tua attività online? Questa è la guida che fa per te.

Crea una lista di potenziali clienti: offri una risorsa gratuita!

La prima cosa da fare dopo aver realizzato il tuo sito è creare una risorsa gratuita. Gli utenti la riceveranno in cambio dell’iscrizione alla newsletter.

Ti consiglio di offrire una risorsa che funga da “anteprima” di un tuo prodotto o servizio premium. Potrebbe essere un report, un e-book, un video tutorial o anche una checkilist: insomma, uno strumento utile, pratico e di rapida fruizione da parte del tuo utente, tra qualche riga ne parlerò in modo più approfondito. Questo ti aiuterà in due modi:

  • ti permetterà di raccogliere contatti di persone realmente interessate a ciò che offri: se scaricano la risorsa gratuita, probabilmente sono interessate all’argomento.
  • ti permette di mostrare il tuo lavoro. Questo darà a te credibilità, ai tuoi clienti sicurezza sulla qualità di ciò che offri e sulla tua preparazione e professionalità.

Creata la risorsa gratuita, dovrai implementare la struttura per permettere agli utenti di registrarsi alla lista.

Tra i sistemi di newsletter più validi ci sono senza dubbio aWeber, MailChimp e GetResponse.

MailChimp offre un piano gratuito (con funzionalità limitate), mentre sia aWeber che GetResponse sono a pagamento dopo un periodo di prova iniziale. Per farti un esempio di costi, i piani aWeber partono da $19 al mese.

Si tratta ovviamente di un investimento. Se usata nel modo corretto, la newsletter è però uno degli strumenti di marketing più potenti a tua disposizione.

Tieniti in contatto con gli utenti: crea una serie di autorisponditori

Continuiamo a parlare di newsletter. Nello specifico, vediamo cosa sono gli autorisponditori. 

Capita spesso che le persone di iscrivano ad una lista solo perché vogliono scaricare la risorsa gratuita. D’altronde, questo è ciò che offri loro!

Se però vuoi che gli iscritti si trasformino in veri e propri clienti, dovrai tenerti in contatto. In caso contrario, probabilmente gli utenti si dimenticherebbero sia di te che della risorsa gratuita. E non perché non siano effettivamente interessati a quel che offri, ma semplicemente perché – lo sai anche tu – con tutti gli impegni e il tran tran quotidiano, alcune cose sfuggono e si perdono.

Produrre contenuti sempre nuovi per gli iscritti è però un lavoro non da poco. Ancora più difficile è creare contenuti di ugual valore per i nuovi iscritti e per quelli più affezionati.

Per questo motivo, ti suggerisco di creare una serie di autorisponditori.

Gli autorisponditori sono una sequenza di email pre-impostate che vengono inviate in automatico con una scadenza a tua scelta.

Per esempio, potresti creare una serie di cinque email da inviare a chi scarica il tuo e-book, una ogni tre giorni.

In ciascuna email dovrai fornire informazioni pertinenti che vanno ad ampliare quanto contenuto nell’e-book.

Infine, quando un utente arriva alla fine della serie potrai anche introdurre la tua offerta premium, ovvero l’offerta di un servizio o prodotto a pagamento.

Tipologie di contenuti che puoi offrire

Spesso, molte persone abbandonano l’idea di fare Content Marketing perché intimorite dalla quantità di testi che dovranno produrre. Non c’è errore peggiore!

Infatti, è possibile fare Content Marketing in modo efficace con diverse tipologie di contenuti; non dovrai necessariamente scrivere quotidianamente sul tuo blog o inviare newsletter da migliaia di parole.

Alcuni contenuti validi sono:

  • e-book
  • articoli
  • podcast
  • video
  • worksheet (cioè, eserciziari)
  • risorse grafiche, come font, vettori o clipart

….la lista continua. L’importante è che ciò che offri sia utile agli utenti.

Nota: se vuoi lavorare sulla SEO del tuo sito – cioè, usare strategie di ottimizzazione per i motori di ricerca al fine di ottenere un posizionamento migliore – dovrai invece pubblicare testi. I testi sono infatti il tipo di contenuto che viene compreso meglio dai motori di ricerca.

Sfrutta il Content Marketing per tenerti stretti i clienti

Per tante attività, la maggior parte del reddito non arriva dai nuovi clienti, ma da quelli che fanno acquisti ripetuti.

E’ quindi molto importante continuare a fare Content Marketing anche con chi è già nostro cliente.

Cerca di aggiornare il tuo sito con regolarità e di condividere risorse e notizie attraverso la newsletter.

Quando ti appresti a lanciare un nuovo prodotto o servizio, procedi sempre allo stesso modo: crea una serie di post ed una risorsa gratuita per introdurre l’argomento; inizia quindi ad educare gli iscritti alla tua lista attraverso le email.

Quando hai fornito un volume sufficiente di informazioni, introduci l’offerta premium!

Attenzione: ti consiglio di creare un gruppo separato all’interno della lista per i clienti esistenti e passati. Quando lanci un nuovo prodotto, offri loro un’offerta esclusiva; questo li renderà ancora più affezionati.

 

Fare Content Marketing è semplice. Il successo delle tue iniziative dipenderà interamente dal valore delle informazioni che offri gratuitamente; se queste sono di qualità, sicuramente saranno un ottimo biglietto da visita per i tuoi prodotti premium.

Ora tocca a te 

Hai mai provato a fare Content Marketing, consapevolmente o – perché no – in modo senza renderti conto che stavi usando queste strategie? 

Hai un blog ed invii la newsletter? Credi che siano un buon mezzo per tenerti in contatto con gli utenti? 

Ti è capitato di trovare clienti attraverso la pubblicazione di contenuti? 

Parliamone nei commenti.