12 cose a cui pensare prima di avviare un’attività

Lanciare un business è entusiasmante: offre grandi opportunità di crescita – sia personale che professionale – e ci permette di guadagnare facendo ciò che amiamo.

Tuttavia, avviare un’attività genera spesso tante paure:

  • paura di non riuscire a trovare clienti
  • paura di sbagliare
  • paura di non avere il tempo per gestire tutto da sole
  • paura di non guadagnare abbastanza

insomma, PAURA DI FALLIRE

Se vuoi avviare un tuo business e ti senti intimorita, sappi che è del tutto normale; anzi, è un buon segno.

Vuol dire che tieni realmente al tuo progetto e sei fortemente motivata a trasformarlo in un successo.

Come dice uno dei miei maestri, Bob Proctor, “ Ti rendi veramente conto che un obiettivo è quello giusto per te quando ti entusiasma e ti spaventa allo stesso tempo.”

Non ti nascondo che avviare un’attività è piuttosto complesso, d’altro canto nessuno nasce con il manuale di istruzioni incorporato, quindi, come hai imparato tutto quello che hai imparato nella vita finora, nulla ti impedisce di imparare quel che è necessario per creare l’attività dei tuoi sogni.

Uno dei miei mantra preferiti è:

Tutto si può imparare, tutto si può risolvere. L’importante è il sorriso, foglio e penna, e tanta voglia di trovare le risposte.”

Le cose a cui pensare sono tante, le più disparate. Quando ti metterai in proprio, almeno all’inizio, dovrai probabilmente gestire tutto da sola, quindi è importante che tu abbia una certa chiarezza e forte determinazione per fare tutti i passi correttamente.

Invece che ascoltare le persone che ti scoraggiano o di dar credito alle tue paure, guarda tutte le imprenditrici di successo: farcela è possibile.

Certo, ci sono anche tante persone che non riescono a raggiungere i loro obiettivi.

Alcune donne lanciano il proprio business troppo frettolosamente, senza fare abbastanza chiarezza su loro stesse, sui loro potenziali clienti, su come possono aiutarli. Altre si rendono conto della complessità di avviare un’attività e si bloccano, abbandonando il progetto oppure prendendolo sottogamba.

In entrambi i casi, la soluzione è prendersi del tempo per riflettere, identificare con chiarezza le aree su cui lavorare ed organizzarsi per implementarle una ad una, evitando stress e brutte sorprese.

Per aiutarti in questa prima fase, ho creato una lista di 12 cose a cui pensare prima di avviare un’attività. ciascuna di questa aree è una componente fondamentale di qualunque business. Prima o poi, dovrai inevitabilmente lavorarci; ti consiglio di iniziare il prima possibile. Carta e penna alla mano, fallo subito!

Avviare un'attività

 

Le 12 cose a cui pensare prima di avviare un’attività 

  1. L’idea 

Per ogni buona idea che hai, probabilmente c’è già qualcun altro che ci ha già pensato!

Prima di tutto fai una ricerca per scoprire se qualcuno ha già percorso la tua strada e come. Non scervellarti, ti basta Google e un po’ di buona volontà. Se la risposta è sì, non farne un dramma. anzi, se chi ha pensato già alla tua idea sta avendo successo, vuol dire che c’è una nicchia di mercato interessata ad acquistare quel che tu offri. Basta che tu ti chieda:

In che modo posso offrire lo stesso servizio o prodotto in modo differente, originale ed unico?

Per aiutarti a capire se la tua idea è vincente, ho creato una Checklist per testare la tua idea. Cos’è una checklist? Una lista di domande che ti aiuteranno a capire se sei sulla strada corretta per il successo della tua attività. Clicca qui sotto per scaricarla!

Clicca qui per scaricare la CHECKLIST gratis

 

2. Il tuo perché

Questo è il momento in cui dovrai essere totalmente onesta con te stessa, e scrivere le vere motivazioni per le quali vuoi avviare un attività.
Le tue motivazioni possono essere varie: dal personale al generale.
Il denaro è importante in ogni attività di business, ma non deve essere l’unica ragione per cui mettersi in proprio.

Forse vuoi creare un’attività perché ti renderà possibile vivere ovunque nel mondo o gestire i tuoi orari con flessibilità, forse perché vuoi rivoluzionare un settore che ami follemente ed hai un’idea geniale, forse perché il tuo scopo è quello di fare la differenza nella vita di uomini e donne single, o forse perché vuoi aiutare i creativi a trovare la loro strada? Scrivi il tuo perché.

3. Il Piano ( o business plan)

Ebbene sì, il famigerato business plan. In molte pensano che sia un orribile documento fatto di numeri, statistiche e difficilissimi termini. Invece un business plan è prima di tutto un documento che tu fai per te stessa e che ti serve per chiarire la mappa della tua attività. All’interno del business plan dovrai indicare:

– chi sei tu? ovvero le tue competenze, i tuoi talenti e le tue passioni

– la tua offerta e relativi prezzi

– Il tuo target

– la tua comunicazione e il tuo marketing

– il budget: entrate ed uscite

4. Target

Cercare di “fare breccia” nel cuore di tutti è un errore molto comune.

E’ importantissimo prima ancora di iniziare il progetto, definire il tuo target, cioè, un gruppo ristretto di persone su cui focalizzarti in tutte le tue attività. Facendo questo lavoro iniziale, svilupperai un business su misura per il tuo cliente ideale, rispecchiandone al meglio le esigenze.

A chi sono rivolti i tuoi prodotti e servizi?

Chi è il tuo cliente ideale?

5. L’offerta

La tua offerta è la rosa di servizi e/o prodotti che offrirai al tuo target.

Solitamente, alle persone piace avere diverse opzioni tra cui scegliere. Nella maggior parte dei casi, offrire prodotti che rientrano in diverse fasce di prezzo è un’ottima strategia.

Quanti prodotti/servizi/pacchetti offrirai? 

Quali offrirai nella fascia di prezzo bassa, quali in quella media ed in quella alta? 

6. Il Commercialista : Forma Giuridica e contabilità

Fare la scelta giusta è importante per ridurre al minimo costi e grattacapi burocratici.

Partita Iva? Regime Agevolato? Impresa individuale? S.r.l.? Società in nome collettivo? 

Qual è la forma giuridica più adatta alle tue esigenze? 

Fatture? Ricevute? Spese di cassa?

Questo è un argomento piuttosto spinoso. Ti consiglio di rivolgerti alla Camera di Commercio della tua città, dove troverai molte informazioni utili in materia o meglio ancora di individuare sin da subito un commercialisti adatto alle tue esigenze che ti dia i migliori consigli e che chiarisca tutti i tuoi dubbi. Inoltre, visto che la contabilità richiederà non poco del tuo tempo, inserisci in calendario qualche ora alla settimana per occupartene. Farlo di volta in volta sarà molto più semplice che occuparsene in tutta fretta all’ultimo minuto.

7. Sede di lavoro

Lavorerai da casa, in un ufficio o in uno spazio di coworking? 

Ciascuna opzione ha pro e contro da valutare con attenzione.

Lavorare nel contesto adatto a noi ed al nostro business può aumentare notevolmente produttività e vendite.

Lavorare da casa è gratuito però trovare concentrazione e motivazione è spesso difficile.

Affittare un ufficio, un negozio o uno spazio in un co-working comporta una spesa, che per tante imprenditrici è però un investimento ben ripagato.

8. Fornitori & Collaboratori

Proprio perché le cose da gestire sono tante, prima o poi dovrai delegare alcune delle tue attività. Se pensi di vendere prodotti fisici, dovrai anche rivolgerti a dei fornitori. In entrambi i casi, si tratta di collaborare con persone esterne, con cui è necessario instaurare una relazione duratura e positiva.

Se ci sono già delle attività che pensi di poter delegare, rivolgiti a dei freelancer – lavoratori autonomi che puoi assumere ad ore o a progetto. Dai un’occhiata a Elance o Guru.com

Ricorda che il tuo tempo vale! Se ne dedichi tanto ad attività secondarie, delegare è la scelta strategicamente migliore.

9. Presenza online

Nel 2015, qualunque business dovrebbe avere una bella presenza online. Trascurare questo aspetto sarebbe sciocco: perderesti tanti clienti facilmente raggiungibili attraverso il web.

Prima di avviare un’attività, pensa come realizzerai il tuo sito web: te ne occuperai te o ti rivolgerai ad una web agency? Quindi, crea il progetto in linea con il tuo branding.

Oltre al sito, crea anche profili sulle varie piattaforme social.

10. Branding

Definito il target e l’offerta, è bene dedicare del tempo a creare l’identità del tuo business. Branding vuol dire logo e colori, ma anche messaggio e stile di comunicazione.

Il branding deve trasmettere la tua unicità, così da renderti memorabile anche in un mercato affollato.

Come vuoi che sia percepita la tua attività? Amichevole, solare, professionale, lussuosa… pensa ai termini più adatti al tuo business. 

In quale modo la tua storia personale, il tuo stile e il tuo modo di essere possono rendere diverse da altri ed uniche le tue offerte?

11. Marketing 

Sito web e social media sono solo una componente del marketing.

Il marketing include anche tante altre attività: pubblicità, eventi, invio di campioni promozionali, gestione di una newsletter, eccetera.

Per un anno o due, il passaparola potrebbe esserti sufficiente a trovare clienti. Se però vuoi che il tuo business cresca ad un buon ritmo, ti suggerisco di programmare iniziative di marketing.

Come promuoverai il tuo business?

Crea una lista delle iniziative e, se necessario, richiedi i preventivi.

12. Budget

Infine, parliamo di soldi – d’altronde lo scopo di avviare un’attività è guadagnare dedicandoci a ciò che amiamo veramente.

Come hai visto in questa lista, un business è composto da varie aree di lavoro. Quasi tutte richiedono un investimento di tempo e/o di denaro. Tenere le finanze sotto controllo è importante, non solo per evitare di spendere troppo, ma soprattutto per identificare le attività che generano più risultati.

Quindi, alloca una porzione del tuo budget a ciascuna delle voci elencate sopra. Non ti scoraggiare, è più semplice di quel che pensi. Basta un foglio bianco con due colonne. Voci in entrata e voci in uscita, un po’ come una lista della spesa.

Facendo questo lavoro eviterai di dover sacrificare attività importanti in corso d’opera.

 

Ora tocca a te.

Prenditi del tempo per riflettere sulle 12 cose a cui pensare prima di avviare un’attività, scrivendo su un blocco note tutte le idee e le domande che ti vengono in mente.

Prima di avviare la tua attività assicurati di trovare risposte a tutte le tue domande. Il processo in sé ti aiuterà ad avere maggiore chiarezza ed intraprendere da subito la direzione giusta.

Hai già un tuo business? Oppure stai progettando di avviare una tua attività?

Hai fatto questo tipo di lavoro strategico prima di iniziare?

Se non l’hai fatto, credi ti avrebbe permesso di risparmiare tempo ed evitare errori?

Parliamone nei commenti qui sotto.

[Ti è piaciuto questo articolo? Per favore, lo condivideresti per me? Più persone lo condividono e più riuscirò a mantenere gratuite e prive di pubblicità queste informazioni! Hai bisogno di formazione più approfondita?  Parliamone: dai un’occhiata alla mia Discovery Session.]

Come una donna può avere successo e creare il lavoro dei sogni

Dico sempre che per me, il successo, è il participio passato del verbo succedere.

Quindi quando parlo di “come avere successo”, intendo “come faccio a fare succedere quel che voglio che succeda.”

Anche perché avere successo, credo tu sia d’accordo, è piuttosto soggettivo.

Per qualcuna di noi successo, può voler dire fare la mamma di tanti bimbi ed occuparsi della sua famiglia, per qualcun’altra dipingere quadri e venderli in giro per il mondo vivendo della propria arte, per un’altra aiutare le persone a migliorare la propria vita con lo shiatsu o lo yoga e per un’altra ancora avere un business online di prodotti creativi o di servizi di coaching e guadagnare lavorando da casa.

Se come molte altre donne oggi stai cercando il lavoro dei tuoi sogni perché sei stufa di quel che svolgi ora, oppure stai valutando di cambiare il tuo stile di vita per utilizzare le tue passioni e le tue competenze e guadagnare grazie ad esse, o se vuoi trovare una soluzione ideale per avere il tempo di lavorare con soddisfazione e crescere anche i tuoi figli, posso dirti spassionatamente due cose:

La prima è che non sei sola! Un sacco di donne mi scrivono per chiedermi consiglio su questo e siamo sempre di più noi ragazze che vogliamo definire, o meglio ri- definire, il successo con i nostri termini e le nostre regole. Questo, cara mia, è il nostro momento.

La seconda cosa è che penso che tu faccia bene a prendere in mano le redini della tua vita ora perché non esiste momento storico migliore di questo per creare il lavoro dei tuoi sogni.

Si, hai letto bene.

Ho scritto CREARE.

Infatti la mia opinione è che a partire dalla nostro generazione di donne in poi, ci sbizzarriremo nella creazione del nostro lavoro dei sogni, uscendo dagli schemi pre configurati del lavoro – soprattutto quello dipendente –  e del suo attuale sistema e creando un nuovo movimento di donne di successo che guadagnano bene e vivono uno stile di vita di totale libertà.

Cosa intendo quando parlo di Totale Libertà?

Libertà di essere te stessa + libertà di gestione del tempo + libertà di lavorare flessibilmente in diversi luoghi + libertà economica.

Già sta accadendo, hai notato?

Visto che il lavoro in giro scarseggia e visto che a parità di competenze noi donne siamo spesso sottovalutate rispetto ai nostri colleghi uomini . Visto anche che i figli che mettiamo al mondo dipendono primariamente da noi per mancanza di servizi e aiuti e che ci piacerebbe anche prenderci cura di loro ed educarli perché diventino adulti sani e felici e visto che spesso – quasi sempre –  ci ritroviamo a fare i quadrupli salti mortali per stare dietro a tutto, noi l’abbiamo capito cosa fare.

Per il risolvere il problema del lavoro, abbiamo capito che è meglio crearselo inventandosi una bella idea imprenditoriale e mettendoci in proprio,  gestendoci autonomamente in toto.

Già.

Ed è qui che però spesso casca l’asino.

Sappiamo che questa è la scelta giusta per noi. Ma poi non la mettiamo in atto.

Un po’ ci spaventa l’idea della responsabilità.

Ma più di tutto, ci spaventa l’idea di non sapere cosa fare.

Di non essere all’altezza. Di non avere l’idea giusta. Di non essere capaci.

Di non saperne di tecnologia o di business.

Sempre di più, molte di noi, vogliono realizzare i propri sogni, creare un lavoro che ci dia soddisfazione personale , che ci permetta di utilizzare i nostri doni e che ci faccia conquistare la tanto agognata libertà di gestione di tempo.

Ogni giorno però vedo accadere un fatto grave: molte donne talentuose, in gamba, preparate, non ci provano neanche.

Non ci credono più.

Smettono di sognare e si lasciano demoralizzare dagli altri, dalle circostanze esterne, e sminuiscono loro stesse svolgendo attività che non sono alla loro altezza. E soffrono.

E così, accadono tre diverse cose.

  1. Opzione uno, lasciamo perdere. Continuiamo a vivere come stiamo vivendo, raccontandoci che in fondo nella vita bisogna accontentarsi e rinunciando ai nostri sogni perché in fondo, “oramai è andata così”.
  2. Opzione due, ci proviamo , ma non siamo convinte abbastanza: così facciamo un errore madornale e cioè trattiamo il nostro business come un hobby. Non lo prendiamo troppo sul serio , non siamo disposte ad imparare ed improvvisiamo, perché in fondo, se non ci impegniamo troppo, possiamo sempre raccontare agli altri – e a noi stesse – che era solo un secondo lavoretto così, giusto per fare. Che almeno ci abbiamo provato ma c’è la crisi quindi come potrebbe andare bene, figuriamoci!
  3. Opzione tre, ci crediamo, ci rimbocchiamo le maniche, impariamo quel che c’è da imparare e funziona! Certo, ci dobbiamo dare un sacco da fare. Apprendere nuove idee e concetti, scoprire come funziona e metterci in discussione. Ma poi, quando tutto finalmente si allinea, allora abbiamo delle enormi ed incredibili soddisfazioni.

Pensaci un secondo.

Pensa alla storia dall’inizio dei tempi o anche solo nell’ultimo secolo: i cambiamenti a cui abbiamo assistito per noi donne sono incredibili: il diritto di voto, l’ingresso in massa nella forza lavoro, il diritto alle pari opportunità  – sì, lo so, qui c’è molto ancora da lavorare, ma almeno ne siamo consapevoli! – ed ora stiamo entrando nel momento più esaltante della storia femminile, le donne sono pronte per più opportunità, più ricompense, più felicità e più appagamento che mai!

Il punto è che dipende solo da noi.

Sì. Proprio così. Solo da noi.

Dai nostri pensieri, dalle nostre emozioni e dalle nostre azioni.

Se stai pensando di mettere in atto l’opzione tre e cioè crederci, rimboccarti le maniche e realizzare il tuo sogno, e se hai letto tutto fino a qui, allora studia CON ATTENZIONE le indicazioni che seguono.

Dopo avere lavorato con centinaia di donne, posso dirti che esiste una “mappa” per avere successo e creare il lavoro dei sogni ed oggi voglio condividere con te le 5 tappe principali che sono presenti su questa mappa.

Ognuna di queste tappe può essere suddivisa in tanti altri piccoli step, ma è importante, per cominciare, che tu abbia una visione di insieme del percorso. Perciò ecco qui i 5 passi principali per coprire come una donna può avere successo e creare il suo lavoro dei sogni:

  1. CONOSCI TE STESSA: ahimè, complice la scarsezza di tempo che dedichiamo a noi stesse, oggigiorno molte di noi non si conoscono più. Non sanno bene quello in cui credono veramente, quello che amano, cosa le fa vibrare, quali sono le proprie eccellenze o i propri limiti. Ebbene, senza sapere chi sei e quel che sai e puoi fare, qualsiasi attività in proprio tu voglia intraprendere sarebbe lacunosa e zoppicante, perché la tua attività in proprio SEI TU e quindi è importante che tu riscopra TUTTO IL BELLO che c’è in te e che forse non stai vedendo più. Pensaci ed inizia a dedicare del tempo a te stessa e a scoprirti .
  2. ACQUISISCI CHIAREZZA: se adesso scendessi in strada e chiedessi alla prima donna che passa: ” se tutto fosse possibile, che cosa vorresti” scommetto che non saprebbe cosa rispondermi! E’ un fatto comune quello di non avere sufficiente chiarezza di intenti, d’altro canto so che comprendi bene che, senza sapere dove andare, come faresti ad andare? Quindi fai un piano, capisci bene qual è la meta e quale la direzione, così da poterti sintonizzare sulla giusta frequenza del successo e del lavoro dei tuoi sogni.
  3. FONDI LE TUE COMPETENZE E PASSIONI CON I BISOGNI DEL MERCATO: gli americani lo chiamano ” sweet spot” ovvero il punto ottimale di incontro tra quel che sei brava a fare e che ti piace fare, con una richiesta del mercato. Poniamo che tu sia bravissima a cucire bottoni fuxia su pantaloni arancioni e che tra l’altro, sia una delle cose che a te piace da impazzire fare. Purtroppo però sul mercato, la richiesta di pantaloni arancioni con bottoni fuxia non è sufficiente da garantirti un buon guadagno tale da sostentare lo stile di vita che desideri. Ecco perché è per te importante stabilire bene i tuoi punti di forza e come declinarli al meglio per essere utile a risolvere un problema o un bisogno di un sufficiente numero di persone interessate a garantirti delle entrate abbondanti.
  4. IMPARA A COMUNICARE EFFICACEMENTE: anche qui ci sarebbe da scrivere per pagine e pagine, e lo farò nei prossimi post. Per ora ti basta seguirmi in questo breve ragionamento. Che senso avrebbe essere la più brava del mondo a fare qualcosa se poi nessuno Sto arrivando! che esisti e cosa fai? Nessuno! Ecco perché risulta fondamentale che tu sia molto brava nel comunicare in modo chiaro chi sei, cosa fai, come lo fai e quali sono i benefici che offri a chi acquista un tuo servizio o prodotto. Inoltre è questo il momento in cui dovrai iniziare ad amare il marketing vedendolo per quello che è. Cosa? Un modo per raggiungere le persone che hanno disperato bisogno di ricevere quel che tu gli offri! Se tu non sei brava a fare marketing, loro perderanno una grande opportunità! ( è sempre questione di prospettiva 🙂 )
  5. ORGANIZZA E CONTINUA: un business è un business, quindi merita organizzazione e professionalità. Una volta capito bene cosa fare, si rende necessario avere una strategia precisa e dei processi organizzativi che garantiscano che tutto funzioni a pennello. E sopratutto, non bisogna fermarsi mai! Continuare è la parola chiave. L’arte della tenacia e della persistenza vanno sempre coltivate, ma in modo particolare in qualsiasi attività in proprio devono diventare il tuo pane quotidiano.

Cara amica , se trovi utili queste semplici ma estremamente efficaci linee guida e sei interessata ad approfondire tutto nel dettaglio, sei nel posto giusto perché ho intenzione di dedicare tempo e spazio, da oggi in poi, a numerosi contenuti gratuiti che ti aiutino a capire come fare ad avere successo e creare il tuo lavoro dei sogni, per raggiungere una vita di totale libertà.

Ti mostrerò esattamente quello che ho appreso e quello che faccio io stessa, ma dovrai essere disposta ad approcciare questi temi con grande impegno e professionalità, per vedere concretizzarsi dei risultati. La settima prossima pubblicherò un post molto interessante proprio su cosa pensare prima di avviar una propria attività.

Nel frattempo, inizio col regalarti una risorsa molto utile: scaricati cliccando qui sotto, la mia mappa in 5 passi per scoprire come una donna può avere successo e creare il lavoro dei sogni e , condividila su Pinterest , Facebook o via email con le amiche che pensi potrebbero essere interessate.

Come una donna può avere successo

La mappa per scoprire come una donna può avere successo

 

 

Ora ecco tre cose che puoi fare ora:

STEP 1: Scrivi qui sotto nei commenti o qui, sulla mia pagina di Facebook, come sarebbe il tuo lavoro dei sogni? Cosa faresti, quanto lavoreresti, quanto guadagneresti? Ecc, ecc. Sono curiosa di sapere cosa desideri fare.

Clicca qui per postare i tuoi commenti leggerò ogni singola risposta.

STEP 2: Resta sintonizzata per leggere il mio prossimo post, farò in modo di darti dei consigli pratici ed applicabili sin d’ora alle tue idee.

STEP 3: Ti è piaciuto questo articolo? Per favore, lo condivideresti per me? Più persone lo condividono e più riuscirò a mantenere gratuite e prive di pubblicità queste informazioni! Hai bisogno di formazione più approfondita?  Parliamone: dai un’occhiata alla mia Discovery Session.

Come risolvere problemi e creare idee? Ecco il mio trucco.

Sarà che oggi è venerdì.

Sarà che c’è un bellissimo sole.

Sarà che siamo già al decimo giorno di aprile.

Oggi voglio scrivervi di un trucco che uso, semplice semplice, ma che ha dell’ incredibile.

Penso che tutti dovrebbero conoscerlo.

Trattasi di un segreto che uso per farmi venire in mente soluzioni  geniali, sbloccarmi quando ho il blocco creativo, gasarmi quando divento pigra e rilassarmi quando sono nervosa.

Un unico stratagemma per raggiungere tutti questi risultati? Ebbene sì. Pronta per scoprirlo?

Devi sapere che in passato, in tutte le occasioni in cui mi sentivo “ bloccata”, quello che facevo era sforzarmi di uscirne.

Sforzarmi di trovare la soluzione al problema.

Sforzarmi di fare qualcosa anche quando non ne avevo voglia.

Sforzarmi di rilassarmi quando ero preoccupata o nervosa.

E indovina un po’?

Non funzionava. O funzionava solo parzialmente.

Un giorno dovevo scrivere la bozza di un testo per una conferenza che dovevo tenere per un’azienda: scrivevo due righe e cancellavo.

Buttavo giù un titolo. E lo cancellavo.

Abbozzavo un’ idea. E la eliminavo. Una vera agonia.

Esasperata da quel momento di vuoto cosmico, dopo un paio d’ore perse senza concludere nulla ho deciso di smettere di sforzarmi. 

Ed in quel momento, come una “magia” un raggio di luce che entrava dalla finestra ha illuminato, effetto spotlight da concerto, un libro che avevo acquistato anni fa e che non avevo mai usato.

Si trattava del libro dei Mandala pubblicati da Macro Edizioni.

Presa da una di quelle intuizioni tutte femminili che noi donne spesso abbiamo – e che purtroppo non spesso seguiamo – , ho iniziato a cercare in fondo al cassetto la mia scatola di pennarelli di DJECO ( un’azienda francese che se non conosci, ti consiglio di scoprire!) e come impossessata dallo spirito di qualcuno che sapeva esattamente cosa fare, ho aperto il libro dei Mandala ed ho iniziato a colorare.

Il primo quarto d’ora è stato solo un susseguirsi di gesti meccanici della mia mano sul foglio e di pensieri affannosi che si accavallavano nella mia mente.

Poi improvvisamente. Magicamente. Il Silenzio.

La mente si è zittita e colorare avveniva automaticamente, non più consciamente, ma come fosse semplicemente l’unica attività esistente in quel momento e come se fosse la cosa più giusta da fare.

E’ stato spontaneo e facile connettermi con me stessa e senza nemmeno accorgermene, ho cominciato ad avere idee, una dietro l’altra, su come scrivere il testo per il discorso che prima non riuscivo proprio a progettare.

Finito di colorare il Mandala, ho aperto un documento di Word sul mio computer e in poco più di 20 minuti ho scritto un testo PERFETTO!

come risolvere problemi

Come risolvere problemi

 

Focalizzato, ispirato, preciso e efficace. Ero entusiasta!

Dopo quella volta, ho capito come risolvere problemi, produrre progetti e creare nuove idee.

Mi è capitato spesso di ricorrere a questo sistema e anche oggi, quando ho bisogno di fare qualcosa che non riesco a fare, quando devo risolvere un problema, quando emerge una difficoltà, anziché insistere mi fermo e mi metto a colorare.Dopo poco, la soluzione arriva.

E spesso quella soluzione si rivela fenomenale! Impeccabile! L’ideale.

I Mandala effettivamente nascono come pratica spirituale ed producono un sacco di benefici.

Aiutano a combattere la tensione e lo stress, sviluppare le intuizioni, sono uno strumento di concentrazione eccezionale e un modo molto semplice per esprimere la propria creatività.

Per me questa è stata una grande lezione.

Invece che continuare a sforzarmi, combattendo le situazioni negative che si vengono a creare, oggi ho imparato a fluire insieme alla vita e alle sue circostanze.

Ho imparato che spegnere la parte razionale della nostra mente, smettere di voler controllare tutto ed entrare prima in silenzio e poi in ascolto è l’azione più corretta.

Fluire.

Accettare le emozioni, comprenderle e vederle andare via, sostituite da pensieri e sentimenti nuovi, più positivi, più risolutivi.

Vuoi provare anche tu?

La prossima volta che ti capita di perdere l’ispirazione o di avere un problema e non sapere cosa fare, fai così:

  1. INTERROMPI LO SCHEMA Smetti di arrovellarti e smetti di fare quel che stai facendo.
  2. SVOLGI UN’ ATTIVITA’ CREATIVA Inizia a colorare un Mandala, fai una passeggiata – possibilmente nella natura-  metti una bella canzone e balla, accendi una candela e respira profondamente,Scegli di fare qualcosa che ti diverta, che spenga la tua mente razionale e ti permetta di entrare in connessione con il tuo mondo interiore.
  3. ASCOLTA IL TUO INTUITO L’’intuito parla un suo linguaggio, allenati a comprenderlo. Potrebbe farti avere l’idea vincente sotto forma di immagine, di simbolo, di sensazione fisica, di ricordo, di parole. Una cosa è certa, quando la tua voce interiore ti parla spesso conosce la risposta giusta. Perciò ascoltala!

Ora tocca a te. Raccontami se hai provato questo mio suggerimento e come è andato.

Oppure condividi con noi quale “tecnica” usi tu per trovare soluzioni ai tuoi problemi senza stressarti.

Come attirare persone positive e affidabili nella vita e nel lavoro

Mi piace essere il tipo di persona che arriva puntuale.

Che rispetta gli impegni presi. Che non cancella un appuntamento mezzora prima dell’orario stabilito con un messaggino sintetico e senza alcun rimorso.

Che si sforza di fare anche le cose di cui non ha voglia perché sa che servono.

Il tipo di persona su cui poter contare per una parola di conforto, quella a cui telefonare quando hai bisogno di qualcuno che ti aiuti a capire come uscire da un casino.

Quella a cui chiedere un consiglio.

Sono perfetta?

Naaaa.

Però mi impegno per essere sempre una persona migliore.

E mi sono accorta che più mi impegno a comportarmi con correttezza, impegno ed integrità e più nella mia vita compaiono persone positive che si comportano allo stesso modo.

Ecco alcuni accorgimenti che oggi voglio condividere con te, per come attirare persone positive e affidabili e su cui poter fare conto nella tua vita e nel tuo lavoro.

 

Stabilisci delle regole.

Quando permetti alle persone di “autogestirsi “in attività che ti riguardano, quel che accade è che tendono a trarne vantaggio.

E’ umano. Lo facciamo tutti. 🙂

Quindi definisci con precisione i paletti e i parametri che vuoi che siano rispettati.

Stabilisci una tua “policy” professionale : gli orari in cui sei disponibile per ricevere ( e non continuare a fare eccezioni , fissando appuntamenti il sabato alle 19.00!!! ) , entro quanto prima dell’appuntamento è possibile cancellare senza pagare, stabilisci che non accetti che una persona che si è iscritta al tuo seminario e non si presenta senza preavviso ( per un motivo serio!) e pretenda un rimborso. Se le regole non le dai tu, chi le darà?

 

La prima impressione

E’ quella che conta.

Ebbene sì. Proprio così.

Se una persona ti sembra poco seria, affidabile o puntuale già al primo incontro, è probabile che tu abbia ragione!

E’ vero che tutti cambiamo, ma su certe abitudini recidive, preparati a non vedere grandi cambiamenti, quindi, prendi le tue precauzioni. Quanto sei disposta ad aspettare, rimandare, ritardare, annullare?

 

Flessibilità

Ci sono alcuni casi in cui, la flessibilità diventerà la tua migliore alleata.

La tua migliore amica è una ritardataria cronica? Ok. Ha tante altre doti, perciò organizzati di conseguenza: dal trucchetto di darle appuntamento un quarto d’ora prima, al portarti dietro ipad o un libro da leggere mentre l’aspetti. In fondo le vuoi bene quindi, ne vale la pena!

 

Sii chiara su ciò che vuoi

Non esiste nulla di più importante della chiarezza di intenti; questo è un concetto che continuo a ripetere ad oltranza, chi mi segue e mi conosce lo sa che sono quasi ossessiva con il tema della chiarezza!

Se dici “ Vorrei un’assistente” aspettati qualunque cosa.

Se invece dici “ Vorrei un’assistente che sappia gestire la mia agenda, rispondere alle mail di informazioni della mia attività come se fossi io, aggiornare il mio sito su wordpress con facilità e gestire la mia contabilità.” capisci bene che è diverso, no?

 

Comportati come vorresti che si comportassero gli altri.

Il simile attrae il simile. Perciò persone inaffidabili attraggono altre persone inaffidabili. Diventa tu per prima affidabile e precisa.

Come? Prendi impegni che sai di poter mantenere e possibimente che ti affascinino o ti appassionino. Questo genere di impegni sono quelli che riusciamo a mantere con maggior facilità.

 

 

E adesso tocca a Te : come fai ad attirare le persone su cui contare?

Eventuali incantesimi, trucchi e tecniche di buon senso che dovremmo sapere?